Guglielman riordina gli uffici di Palazzo Gilardoni

Il commissario prefettizo, come promesso al suo insediamento, ha redistribuito e razionalizzato le competenze degli uffici comunali, con particolare riferimento ai settori tecnici

Il Commissario straordinario Paolo Guglielman ha approvato la riorganizzazione delle strutture funzionali del Comune, ed in particolare dei tre settori tecnici.
Conclusa la verifica dello schema organico avviata sin dai primi giorni del suo mandato, il Commissario ha predisposto alcune modifiche per rendere più razionale ed efficiente il funzionamento della macchina comunale, attraverso l’aggregazione di funzioni omogenee tra loro.
“L’intenzione è quella di superare le incomunicabilità e le discrasie tra gli uffici” aveva osservato Guglielman: il riassetto prevede infatti la ridistribuzione di alcune competenze tra i dieci settori già in essere che risultano in questo modo più funzionali alle esigenze di gestione amministrativa della città.

Le novità più significative riguardano il riordino delle materie facenti capo ai tre settori tecnici.
In particolare è stato rivalutato il secondo settore, che in precedenza si occupava dell’attività di Sviluppo risorse comunitarie e della Programmazione, e che in virtù della recente nomina del dirigente, l’architetto Patrizia Albo, ha assunto ora una dimensione ottimale con l’aggregazione della Tutela Ambientale, dell’Urbanistica Generale, dell’Informatica Territoriale, del Patrimonio Immobiliare e Demanio con la gestione degli espropri.
Nel contempo sono stati aggregati al settore decimo (“Opere Pubbliche”) la Progettazione e gli Studi sulle grandi opere pubbliche prima affidati al settore secondo.
Il settore nono che comprendeva Urbanistica ed Edilizia Pubblica e Privata viene ridefinito con l’attribuzione della Pianificazione Attuativa, con la conferma dell’Edilizia Pubblica e Privata, e con l’aggregazione dei Trasporti.

Il riassetto ha interessato anche il settore sesto “Polizia Locale”, al quale è stata attribuita la competenza sull’emanazione delle ordinanze relative al traffico e sulla segnaletica stradale che in precedenza faceva capo al settore decimo “Opere Pubbliche”, al quale resta la competenza sulla Viabilità.
La gestione delle Sale convegni passa dal primo al settimo settore “Servizi Educativi e Demografici”, nell’ambito della competenza sulla Cultura.


Si tratta insomma di una riorganizzazione complessiva e di rilievo, una delle prime attività di cui Guglielman aveva annunciato di volersi occupare al suo arrivo a Palazzo Gilardoni: segno che anche dirigenti e dipendenti comunali dovevano avvertire la necessità  di una diversa e più razionale distribuzione delle competenze fra i vari uffici.
Lo schema dei dieci settori è pubblicato sul sito internet istituzionale  (www.comune.bustoarsizio.va.it) alla voce “uffici”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 marzo 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.