“I brutti anatroccoli” concludono la rassegna “Piccoli passi”

Domenica 2 aprile andrà in scena la rappresentazione prodotta dall'associazione Estia

Domenica 2 aprile (dalle ore 16,00) al Teatro "Fratello Sole" in via Massimo d’Azeglio a Busto A. sarà presentato lo spettacolo di burattini e attori "I brutti anatroccoli", prodotto dall’Associazione Culturale "Estia", inserito nella rassegna "Piccoli passi".

Il Mago delle Favole, personaggio televisivo, vuole modificare con un telecomando birbone tutte le favole del mondo. Saranno i brutti anatroccoli a salvare le storie rinchiudendo il cattivo di turno.
L
o spettacolo è nato nel carcere a Bollate, e testimonia le molteplici possibilità insite nell’esperienza teatrale: dalla scoperta e valorizzazione di potenzialità individuali e collettive, alla costruzione di percorsi professionali rispendibili nel mondo "di fuori". E.S.T.I.A. da oltre dieci anni si occupa di interventi di carattere culturale e formativo negli istituti di pena del milanese.

Con "I brutti anatroccoli" -ingresso 5,50 euro – si conclude "Piccoli Passi" la rassegna di teatro rivolta alle famiglie, avente al centro il tema del tempo, che le donne e gli uomini di E.S.T.I.A. vivono in modo particolare, ma si apre una settimana con altri due appuntamenti dedicati al "teatro e il sociale".
Mercoledì 5 aprile h 21,00 "Una città che educa" (per info staff@elaborando.it ) e venerdì 7 aprile h 21,15, sempre a Fratello Sole, educatori, insegnanti, enimatori e attori impegnati in "Ritrarsi-l’evento". Una esperienza intensa che sta inducendo gli organizzatori a progettare per il prossimo futuro una scuola di teatro e di animazione teatrale con al centro la necessità di formazione collegata alla necessità di interpretare ed intervenire nelle tensioni e questioni sociali, in rapporto con il territorio e con quanti si pongono come risorsa di cambiamento. "Un teatro fatto bene per far bene ad una comunità".

Gli eventi del 5 e del 7 aprile sono ad ingresso libero.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 marzo 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.