Il volto di Cristo: nuova arte sacra

Sabato 25 e domenica 26 la personale di Gianni Boschetto alla Sala Ponchielli

Opere in legno intagliato e sagomato, opere ad olio su carta cotone, pitture ad olio su legno, incisioni. Queste sono solo alcune delle tecniche che Gianni Boschetto utilizza per reinterpretare immagini sacre quali il volto di Cristo, l’Ultima Cena, la Madonna con bambino, l’Ascensione.
 
Nato il 12 agosto 1977, Gianni Boschetto ha frequentato il Liceo Artistico Statale di Busto Arsizio per poi iscriversi alla Facoltà di Pittura dell’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano. A 20 anni scopre la sua passione più profonda: rappresentare soggetti tipici dell’arte sacra rielaborandoli, senza però intaccare il loro originale valore spirituale e religioso.
 
Da questo derivano oggetti d’arte vivida, toccanti ed allo stesso tempo scolpiti nell’eleganza dell’arte contemporanea. Recentemente ha arricchito la sua collezione con opere realizzate in legno: un materiale puro che plasma con le proprie mani conferendogli nuova vita.
 
Proprio per questo possiamo definirlo non un semplice artista, ma anche un vero artigiano.


Il volto di Cristo, arte sacra in mostra a Busto Arsizio
Collezione privata di Gianni Boschetto
sabato 25 e domenica 26 marzo, dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14.00 alle 19.00
presso la Sala Ponchielli in via Donizetti 21

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 marzo 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.