In attesa del “kit” che cambia la vita

Stranieri in coda ordinati e pazienti: situazione tranquilla fuori dagli uffici postale delle città principali

Ecco un primo aggiornamento della situazione all’esterno delle Poste, dove dalle 14.30 si distribuiranno i kit di assunzione per i lavoratori stranieri,  in alcuni delle città principali della Provincia.

Galleria fotografica

Anche Varese e Gallarate in coda 4 di 14

VARESEOrdinati, tranquilli e soprattutto organizzati. Il caos che qualcuno aveva previsto per la consegna dei kit per la regolarizzazione dei lavoratori immigrati per il momento non c’è stato. A Varese gli uffici postali di piazza Trento, via del Cairo e via Pasubio non sono stati presi d’assalto. I primi immigrati erano presenti da domenica sera, ma nella notte tra lunedì e martedì le fila non si sono gonfiate a dismisura. Alle poste centrali stamattina non c’erano più di 50 persone, la maggior parte donne e giovani, in via Del Cairo una ventina. Molti sudamericani e albanesi. Pochi gli italiani in coda, perlopiù  famiglie che regolarizzavano la badante. Buono il lavoro delle forze dell’ordine e della protezione civile che hanno presidiato gli uffici per tutta la notte, dando informazioni e facendo le liste con i nomi delle persone in coda, in modo da evitare furberie e disordini. Fuori dalle poste centrali sono stati distribuiti dei numeri adesivi da appiccicarsi in petto, un’iniziativa gestita dagli stessi immigrati con grande responsabilità sotto il controllo  delle forze dell’ordine. La direzione delle poste ha predisposto anche dei fogli informativi in più lingue dove è spiegato cosa occorre per la consegna del kit.
GALLARATE
Tanta gente in coda a Gallarate. Ieri sera almeno una cinquantina di persone si sono ritrovate davanti all’ufficio postale di via Amerigo Vespucci. Stamattina la coda ha toccato quota cento verso le nove. La situazione è tranquilla, sotto gli occhi attenti della Polizia Locale che, insieme al personale delle Poste Italiane, ha transennato l’area circostante. I lavoratori stranieri, provenienti da ogni parte del mondo, e qualche datore di lavoro italiano (pochi a dire il vero) attendono ordinati l’apertura degli uffici alle 14.30.

BUSTO ARSIZIO – Situazione tranquilla anche alle poste di Sacconago, dove in coda ci sono all’incirca una quindicina di extracomunitari. In Via Fratelli d’Italia una cinquantina di persone attende lo scoccare dell’ora X.
(seguono aggiornamenti)

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 14 marzo 2006
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Anche Varese e Gallarate in coda 4 di 14

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.