La Lombardia al primo posto per le revisioni

L’Osservatorio Autopromotec rileva le spese sostenute nel 2005 per revisioni e prerevisioni

Oggi il prezzo effettivo di un’auto passa in secondo piano perché la vera spesa è il mantenimento del nostro veicolo. Molti sono gli oneri. Benzina, assicurazione, bollo, parcheggi, meccanico e revisione. L’Osservatorio Autopromotec, la struttura di ricerca della più importante rassegna espositiva di attrezzature per i mezzi di trasporto, ha rilevato che nel 2005 i lombardi atomuniti hanno speso 318,5 milioni di euro per far revisionare i loro veicoli.

La vera spesa non è stata tanto la revisione in sé, ma i controlli che ogni automobilista fa fare alla sua automobile prima di sottoporla all’ “esame”.

Con i pagamenti delle tariffe di revisione si sono, infatti, raggiunti gli 80,5 milioni di euro, contro i 238 milioni spesi solo per fare in modo che la propria  auto facesse “bella figura” nelle officine autorizzate. Milano è risultata, ovviamente, la provincia che ha registrato la spesa più alta per le revisioni nella nostra regione  con 117 milioni di euro. Seguono Brescia (43,1 milioni), Bergamo (36,6 milioni), mentre Varese rimane fuori dal podio, al quarto posto con 32,1 milioni di euro.

La Lombardia, inoltre, è al primo posto per la spesa in revisioni nella graduatoria nazionale.
L’Osservatorio Autopromotec sottolinea che la tariffa per la revisione non comprende un compenso adeguato per le officine autorizzate. Infatti su 38,61 euro versati per far revisionare il veicolo, 12,79 sono assorbiti dalle tasse, mentre solo 25,82 vanno nelle tasche dei meccanici revisionisti, e questo rischia di favorire il fenomeno della revisione fittizia.
Per questo l’Osservatorio Autopromec invita il Ministero dei Trasporti ad accogliere le richieste di una maggior remunerazione delle officine private, nonché di avvisare ogni automobilista della scadenza della propria revisione con un avviso a casa, proprio come si fa per il rinnovo delle patenti.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 marzo 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.