La passione legata ad un filo, ovvero l’arte del ricamo

In mostra al Museo del Tessile preziosi ricami della grande tradizione canturina e lombarda

Dal  25 marzo al 23 aprile prossimo, presso la sala mostre temporanee del Museo del Tessile e della Tradizione Industriale di Busto Arsizio, sarà allestita una interessante mostra, dedicata all’arte del ricamo. Non quello industriale (al quale peraltro è dedicata una sezione del Museo), ma quello realizzato a mano con abilità e sapienza antica.

“La passione legata ad un filo – ricami e merletti nella tradizione della donna lombarda”, è infatti il titolo della mostra, promossa dalla Città di Busto Arsizio in collaborazione con l’Associazione culturale “La Dama dell’Ago” e dell’Accademia Merletti di Cantù.

Il fine è quello di far conoscere il ricamo ed il merletto come documenti della tradizione storica e culturale della donna lombarda, proprio nella cornice del Museo del Tessile, ove sono custoditi telai e macchinari sui quali hanno lavorato proprio le donne che hanno confezionato molti dei manufatti esposti, nel tempo libero dal lavoro in fabbrica, esprimendovi la loro creatività.

L’Associazione Culturale “La Dama dell’Ago”, che ha curato la Rassegna, nasce a Busto Arsizio nel 2004 con lo scopo di raccogliere, conservare e diffondere la tradizione del ricamo e, più in generale, delle arti minori femminili, consapevole della ricchezza e della unicità della tradizione italiana in questo campo.

La mostra propone preziosi ricami e merletti di Cantù, ordinati secondo un percorso che va dalla seconda metà del 1800 ai giorni nostri. Manufatti realizzati con la stessa tecnica ma in epoche diverse vengono accostati per facilitare la visualizzazione dell’evoluzione tecnica e stilistica.

Nei manufatti si può quindi ritrovare l’espressività di donne di un tempo non troppo lontano, con la loro storia e la loro umanità. In mostra si trovano anche lavori realizzati dalle socie dell’Associazione “La Dama dell’Ago” durante il primo anno di attività, con lo scopo di salvaguardare la tradizione e la memoria delle antiche tecniche, utilizzandole per realizzare opere che si adattino alla nostra quotidianità, al gusto e agli stili di vita del nostro tempo.

L’inaugurazione è prevista per le ore 17.00 di sabato 25 marzo 2006. Sarà presente l’arch. Elio Michelotti, direttore della Rivista “Ricamo italiano”. La mostra è corredata da un piccolo catalogo con cenni storici sulla tradizione del ricamo e del merletto in Italia.

Gli orari di visita sono i seguenti: martedì – sabato 15.00 – 19.00; domenica 10.00 – 12.00 e 16.00 – 19.00; chiuso il lunedì e il 16 aprile.

Per gruppi e scolaresche, è possibile prenotare visite guidate, contattando l’Ufficio Cultura del Comune al numero tel. 0331/390243, ore 8.30 –13.00.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 marzo 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.