La protesta dei lavoratori di Banca Intesa: «Siamo bancari, non venditori»

Il sistema di incentivazione tra i motivi dello sciopero del 3 marzo, che verrà replicato venerdì 10

E’ stato uno sciopero partecipato, quello del 3 marzo, per i lavoratori di BancaIntesa: sul tavolo non aumenti di stipendio, ma – stupisce a dirlo, in una categoria che nell’immaginario è ancora privilegiata – le condizioni di lavoro. E, tra le altre cosei bancari di Banca Intesa protestano contro il sistema di incentivazione pensato dal loro istituto di credito per arrivare a conseguire i budget, cioè gli obiettivi di vendita della banca.  E quello che prima era il segreto di Pulcinella, detto sottovoce  e conosciuto da tutti gli operatori, è ora oggetto di una agitazione aziendale di livello nazionale.

«I bancari, specialmente quelli a contatto con i clienti,  lavorano su indicazioni dell’azienda, soprattutto per il conseguimento dei budget di filiale: un tot di conti correnti, un tot di mutui eccetera – spiega Filippo Pinzone (secondo da sin., nella foto), rappresentante della Fabi in BancaIntesa – Gli impiegati sono incentivati a raggiungere i budget fissati, che variano periodicamente, e che integrano lo stipendio, con erogazioni in forme variabili».

La banca, con il sistema dei budget, segnala ai bancari quale prodotto spingere: di questi tempi, risulta sottoposta a budget la NON chiusura di conti, per esempio. Ma è stato così anche per i mutui, per certi prodotti finanziari, per l’assegnazione di carte di credito. Il raggiungimento del budget, cioè del numero di prodotti venduti o del capitale raccolto, viene poi remunerato con un premio annuo.  Stupisce perciò che quello che sembrerebbe essere un vantaggio economico per il bancario sia oggetto di una vertenza:  «Innanzitutto, questi vantaggi economici non sono poi così eclatanti come si crede – Precisa però Pinzone – In compenso i colleghi sono sottoposti a pressioni alla vendita di prodotti e servizi davvero eccessive».

Pressioni  che non riguardano solamente gli impiegati ma anche la clientela stessa, sottoposta a proposte di vendita da parte di figure professionali che molti considerano ancora "funzionari imparziali". Ma, questa, è un’altra storia.

Il volantino consegnato alla clientela

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 marzo 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.