Lavoratori in nero e cantieri irregolari. Scatta l’azione del Nil

Vasta operazione del Nucleo carabinieri ispettorato del lavoro: quattro cantieri sequestrati, 55 lavoratori in nero e 35 denunciati

Un cantiere edile , dove si stanno costruendo immobili residenziali, circondato dai carabinieri, lavoratori irregolari che saltano ponteggi cercando di sfuggire al controllo, altri che si rifugiano nei sotterranei al buio e in silenzio. Questa la scena che si è presentata agli occhi delle forze dell’ordine il 29 marzo scorso a Cardano al Campo. 
L’operazione contro il lavoro nero e lo sfruttamento della manodopera extracomunitaria clandestina è stata condotta dal maresciallo  Andrea Cannella , della direzione provinciale del lavoro di Varese, dall’Asl di Cardano al Campo, e dai carabinieri del comando di Gallarate coordinati dal tenente  Edoardo Comandé.  I militari dell’Arma hanno controllato tutti quelli che stavano lavorando, molti dei quali extracomunitari. Tra quelli in nero c’erano anche tre clandestini che sono stati espulsi. Trovate cinque ditte che stavano lavorando in subappalto non autorizzato con 24 lavoratori la meta dì quali in nero. Comminati 53 mila euro di multa

I carabinieri hanno trovato anche almeno 30 violazioni  alle norme di sicurezza sull’ambiente di lavoro. Gli uomimi del Nil (Nucleo ispettorato del lavoro) non nascondono la gravità della situazione, soprattutto per quelle postazioni di lavoro del cantiere esposte al riuschio di caduta dall’alto. Infatti tutti i ponteggi del cantiere erano instabili, tanto che gli stessi carabinieri vi hanno sostato pochissimo. Denuciati quattro lavoratori  extracomunitari perché none rano in possesso dei necessari documenti, tre dei quali espulsi con decreto del  prefetto di Varese. Denunciato anche l’amministratore dell’impresa edile  e ildatore di lavoro di un’impresa che aveva dei lavori in subappalto, denunciato anche il coordinatore per la sicurezza per inadempienze e sequestrato il cantiere.

Negli ultimi tre mesi il Nucleo carabinieri ispettorato del lavoro, che dipende dalla Direzione provinciale del lavoro, al cui vertice c’è Mariarosaria Simonelli, ha ispezionato ben 15 cantieri edili, di cui quattro posti sotto sequestro. Comminati 230 mila euro di multa, rilevate 25 prescrizioni penali, denunciate 35 persone, di cui una arrestata, scoperti 55 lavoratori in nero, per un totale di 65 mila euro di contributi Inps evasi .

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 31 marzo 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.