Navigazione, continua la preoccupazione per i tagli

Il prossimo 3 marzo prevista una riunione a Laveno Mombello fra le tre provincia rivierasche per trovare una soluzione

Continua il pressing istituzionale per risolvere la questione dei tagli alle corse della Navigazione Lago Maggiore contemplati in seguito ai dispositivi della Legge Finanziaria. Nell’attesa dell’incontro di venerdì prossimo a Laveno Mombello, cui parteciperanno le tre provincie interessate – Novara, Verbania e Varese –  si apprende che anche i politici del Vco stanno operando le debite pressioni per dare voce al disagio prodotto dal decurtamentto delle corse. Il primo incontro sull’argomento è avvenuto il 30 gennaio con le parti sindacali e la presenza del presidente Ravaioli e degli assessori Alberganti e Albertini.

«L’assessore ai Trasporti della Provincia di Verbania, Vittoria Albertini,  – si legge in una nota – dopo aver inviato una lettera alla Navigazione Laghi, il 20 febbraio ha poi  incontrato il direttore della Navigazione, ingegner Checcucci. In quell’occasione, Vittoria Albertini ha evidenziato il danno sia per l’utenza pendolare sia per il comparto turistico, rimarcando come le corse fossero state abolite senza neppure concordare i nuovi orari con gli uffici provinciali competenti per il trasporto pubblico locale».

Successivamente si sono messe le basi per un’azione congiunta tra le tre province che si affacciano sul Lago Maggiore. Il 23 febbraio si sono infatti riuniti i sei assessori con le deleghe al Turismo e ai Trasporti (Silvana Ferrara e Giovanni Barcellini per Novara, Giangiacomo Longoni e Carlo Baroni per Varese, Diego Caretti e Vittoria Albertini per il Verbano-Cusio-Ossola) per discutere su come affrontare le difficoltà dopo i tagli del 30 per cento decretati dalla legge Finanziaria 2006 al bilancio della Navigazione Laghi.

In quella sede si è deciso di prendere parte, il 3 marzo, all’incontro indetto dal Consorzio Gestione Associata dei Laghi. In quell’occasione saranno presenti anche gli assessori con deleghe al Turismo e ai Trasporti di Piemonte e Lombardia.

Il 6 marzo, infine, è in agenda un incontro presso Tecnoparco con gli assessori regionali Borioli e Manica per capire cosa intende fare Torino sulla questione.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 01 marzo 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.