Navigazione Laghi, i tagli preoccupano la Regio Insubrica

Lettera ai Ministeri italiani dall’Ufficio di Presidenza, «occorre intervenire rapidamente»

Ristabiliamo «la certezza delle risorse» e garantiamo «il funzionamento del sistema». Di fronte ai tagli di fondi alla navigazione dei laghi lombardi, scende in campo anche la Comunità di lavoro transfrontaliera della Regio Insubrica. L’ufficio di presidenza della “Regio” ha infatti inviato al Ministero dell’economia e a quello delle Infrastrutture e trasporti e ai presidenti delle Regioni Lombardia, Piemonte e Veneto, una lettera nella quale si dice preoccupato per  la riduzione dei trasferimenti al sistema di navigazione dei laghi.

Laghi che – si legge tra l’altro nella lettera – «sono uno dei principali patrimoni naturali di questa regione ricca di storia e tradizione e costituiscono il perno, riconosciuto a livello mondiale del suo sistema turistico». Inoltre i “tagli” introdotti dalla Finanziaria  mettono «a forte rischio la prossima stagione turistica che sta per avere inizio».

Per questi motivi la Regio Insubrica esprime nella lettera «la necessità di intervenire rapidamente per ristabilire la certezza delle risorse necessarie a garantire il funzionamento del sistema».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 marzo 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.