Nell’ex scuola media i grafici dell’Istituto Don Milani

Il sindaco ha ricevuto ieri la conferma dagli uffici della Provincia. Studenti nella nuova sede già dall'anno scolastico 2006/2007

Sarà operativa già dal prossimo anno scolastico la nuova sede di Venegono Inferiore del Corso per grafici pubblicitari dell’Istituto don Milani di Tradate. Il sindaco di Venegono, Pierluigi Oblatore, ha ricevuto ieri la conferma da parte degli uffici della Provincia, a cui spettava la scelta della scuola da collocare nell’edificio dell’ex media messo a disposizione dal Comune. Già oggi la bozza di convenzione tra i due enti potrebbe essere esaminata dalla Commissione Edilizia scolastica di Villa Recalcati. Il documento dovrà poi essere discusso ed approvato dal Consiglio provinciale e da quello comunale.

L’accordo non dovrebbe però trovare intoppi, dal momento che Comune e Provincia hanno già definito tutti i dettagli dell’operazione che consentirà ai ragazzi della Don Milani di lasciare le vecchie aule presso l’Istituto Barbara Melzi (dove sono attualmente ospitati) e di prendere possesso dell’edificio di Venegono.

"La scuola verrà data in uso gratuito – spiega il sindaco Oblatore – a fronte di un investimento da parte  della Provincia di 300mila euro in due tranches per la sistemazione e l’adeguamento. L’edificio necessita comunque di interventi contenuti perché la struttura risale ai primi anni Settanta ma è in ottime condizioni".

Nelle 16 aule dell’ex scuola media troveranno posto circa 400 ragazzi (13 classi), in una collocazione ampia e a poca distanza dallla stazione (circa 600 metri). "E’ prevista anche una deviazione dell’attuale percorso della linea automobilistica delle Fnm – aggiunge il sindaco – che permetterà agli studenti di arrivare direttamente davanti alla scuola". Tra gli interventi previsti anche l’adeguamento degli impianti e della mensa alle più recenti norme di sicurezza e la realizzazione di un ascensore per disabili.

Soddisfatta la dirigente dell’istituto tecnico Don Milani, Adriana Pradi Battaglia, che però ci tiene a fare qualche precisazione: "Sono in attesa di un documento scritto che mi confermi certe garanzie che, come scuola e come genitori, abbiamo chiesto: garanzie sull’istituzione del servizio trasporto, della mensa, e di una sistemazione tecnica ed impiantistica che permetta di far funzionare a dovere laboratori e servizi. Senza queste garanzie è ovvio che non potremo iniziare il trasloco". Da verificare anche i tempi tecnici dei lavori necessari prima del trasferimento: "Se effettivamente i lavori inizieranno come detto per aprile e per giugno sarà tutto pronto,  potremo iniziare nella nuova sede già il prossimo anno scolastico". Nella scuola è stata creata anche una commissione mista docenti/studenti per monitorare l’effettivo avvio ed avanzamento dei lavori.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 08 marzo 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.