“Noi immigrati non siamo solo gambe e braccia al lavoro”

Amani Jacques, coordinamento immigrati della Cgil, presenta le iniziative culturali del sindacato, a partire da "Coloriamo il mondo"

Per integrare e favorire le esperienze culturali dei lavoratori stranieri il coordinamento immigrati di Cgil ha in cantiere svariati progetti. Innanzitutto a breve uscirà il nuovo numero di “Coloriamo il mondo”, giornale autogestito ed autoprodotto «senza finanziamenti di alcun tipo», come spiega Amani Jacques, dirigente del coordinamento immigrati di Cgil. In più, oltre ai servizi di informazione e assistenza offerti dalle Camere del Lavoro territoriali, nel prossimo giugno si svolgerà la terza edizione di “Coloriamo il mondo”, manifestazione culturale e colorata che vuole portare anche a Varese le esperienze del variegato mondo dell’immigrazione: «Vorremmo che la gente capisse che non siamo solo gambe e braccia che lavorano – spiega Jacques -, ma che abbiamo tanto da offrire, che siamo una risorsa per tutta la comunità italiana». Per questo Cgil si impegna ad offrire formazione e sostegno innanzitutto per l’apprendimento della lingua italiana, principale scoglio da affrontare per chi si rapporta con l’Italia e con il mondo del lavoro. Per favorire l’integrazione, Cgil chiede che sia allargato il voto agli immigrati: «La legge italiana lo prevede – spiega Flavio Nossa, della segreteria provinciale -, ma come spesso accade non è mai stato messa in pratica. È necessario trovare soluzioni adeguate e coinvolgere gli stranieri nella vita sociale e pubblica, cercando vie alternative nel mondo del lavoro: basta precarizzazione, che gli stranieri pagano più degli altri non avendo appoggi ed essendo quindi spesso usati e sfruttati dai datori di lavoro».       

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 marzo 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.