Peter Pan e Re Artù per la nuova stagione della Rocca

Le porte del castello Borromeo sono state riaperte al pubblico sabato 11 marzo

Da Peter Pan a Harry Potter, passando per la corte di Re Artù fino al famosissimo Regno di Narnia: sabato 11 marzo la Rocca Borromeo, ha dato il via alla stagione 2006 e regala un viaggio a ritroso nel tempo creando, grazie alla suggestione dei luoghi e alla partecipazione attiva dei bambini e dei loro genitori, le atmosfere magiche di storie fantastiche. Tra squilli di trombe e rulli di tamburi il fantastico torna a rivivere tra le mura della Rocca Borromeo di Angera, un insieme architettonico sorprendente, padrone incontrastato, dal Medioevo ad oggi, del ramo meridionale del Lago Maggiore. Un grande palcoscenico naturale con le sue torri e le sue mura merlate, pronto ad accogliere le famiglie coinvolgendole in suggestivi appuntamenti di cultura e di svago.

Il fortificato medievale continua a sorprendere i visitatori con gli importanti affreschi duecenteschi della Sala della Giustizia e l’inestimabile collezione di bambole e giocattoli dell’omonimo museo ospitato nell’ala Borromea e nell’Oratorio.

Oltre mille bambole dalla fine del XVIII secolo ad oggi, accompagnate da riproduzioni di case, mobili e negozi in miniatura e da una preziosa raccolta di giocattoli di ogni genere. Ad impreziosire il museo, vi è inoltre la sezione dedicata agli automi, una collezione nata anch’essa da una grande passione per il fantastico. Un mondo, quello degli automi, che fin dal mitico Golem di Meyerink ha sempre affascinato scrittori e registi da Azimov a Ridley Scott, animando le trame delle loro storie e lasciando libera l’immaginazione. Una sezione del museo davvero affascinante, che merita assolutamente di essere visitata per scoprire il mondo degli “androidi”, le macchine che hanno ispirato la nostra fantasia proiettandoci nel futuro.  

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 15 marzo 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.