Ponti, una scuola di qualità

Dal febbraio 2006 le scuole medie Ponti fanno parte del Sistema di Qualità, secondi gli standard della norma internazionale ISO 90001

Da febbraio 2006 le scuole medie Ponti di via Confalonieri 27, Gallarate, hanno ottenuto il certificato di qualità. Dopo aver inoltrato la richiesta all’Entiquality, ente certificatorio milanese, e dopo la visita di controllo che doveva verificare se la scuola aveva i parametri richiesti, ora le scuole medie Ponti hanno anche questa garanzia, che verrà verificata ulteriormente tra 6 mesi, spiega la diridente scolastica, Carmela Locatelli, e poi ogni anno, con una visita ispettiva: «E’ stato un processo progressivo – ricorda la preside -: prima sono stati certificati i corsi per adulti EDA e ora tutta la scuola nel suo complesso». Già dal 2003, infatti, i corsi EDA tenuti presso le Ponti erano stati riconosciuti di qualità in base alla norma internazionale ISO 90001, richiesta ad aziende e istituti scolastici. E’ un riconoscimento esterno, ma importante anche all’interno. L’iter per essere certificati è abbastanza lungo: la scuola con il supporto di consulenti e tecnici prepara la predisposizione al Sistema Qualità, istruisce il personale con corsi di formazione, predispone un manuale e organizza delle procedure. Dopo questa preparazione si chiede una visita ispettiva ad un ente che poi rilascia l’attestato, da confermare ogni anno. «E’ una sicurezza che garantisce l’applicazione delle procedure ed è una garanzia per l’utente», spiega la Locatelli. «La scuola, per ottenere il certificato- aggiunge il coordinatore del centro Eda Colombo – deve garantire insegnanti con certi requisiti, un certo numero di anni di esperienza e di specializzazioni e anche l’ambiente scolastico deve rispondere a determinati standard, con aule informatiche e laboratori linguistici». Il centro EDA di Gallarate ha una grossa risposta sul territorio: da 5 anni riceve più di 1000 domande solo per i corsi modulari di informatica, inglese, spagnolo, per l’iscrizione alla licenza media e all’italiano per stranieri. Colombo, concordando con la preside Locatelli, dichiara: «La qualità è una garanzia che soddisfa il cliente e garantisce il continuo miglioramento: l’istituto deve garantire di anno in anno i servizi certificati e ampliarli». Tutte le scuole probabilmente si dovranno muovere in questa direzione, anche perché la certificazione è un passaggio obbligato per un accreditamento a livello regionale che permette di accedere anche a finanziamenti FSE (Fondo Sociale Europeo).

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 marzo 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.