Scatta l’ora X, regolare la consegna dei kit

Nonostante le lunghe file non si è registrato alcun problema di ordine pubblico. Gli immigrati attendono ora di sapere chi verrà regolarizzato

 È arrivata l’ora X e gli immigrati in coda per la regolarizzazione si sono comportati come meglio non potevano. Nessun problema di ordine pubblico nel capoluogo, nonostante le lunge file e l’altrettanto lunga e sfibrante attesa in tutti gli uffici postali di Varese.
A Gallarate allo scoccare delle 14.30 sono entrati i primi nove della lunga fila che da ieri notte attendeva fuori dall’ufficio postale di via Vespucci. La corsa contro il tempo si è dunque conclusa: il primo ad entrare è stato un ragazzo cinese, che ha presentato i documenti per tre persone. La prima ad espletare la pratica, alle 14.33, è stata un’altra cinese (foto), seguita da un imprenditore edile italiano che ha regolarizzato un ragazzo albanese che lavora in un suo cantiere. Nessun problema di ordine pubblico, tutto si è svolto nel massimo rispetto delle posizioni guadagnate con la fila notturna, sotto gli occhi della Polizia Locale e di Stato. A coordinare gli accessi all’interno dell’ufficio postale il direttore e alcune dipendenti, mentre anche gli impiegati erano in fibrillazione in attesa dell’ora X. Tutto è andato liscio, a parte qualche piccolo disguido ad un terminale che ha rallentato di non molto l’espletamento della pratica di una cittadina rumena. Nel giro di un’ora tutta la fila si è esaurita, ad un ritmo di circa 10 persone ogni 5 minuti.

Galleria fotografica

Regolarizzazione, arriva l'ora X 4 di 10

Anche a Busto Arsizio tutto regolare. Erano in 35 all’ufficio postale di via Ferrer a Sacconago, tutti con numerino distribuito in proprio. Il primo che è uscito dopo aver consegnato il modulo si chiama Marlon, è un giovane peruviano in Italia da due anni. Lavora in un’azienda che si occupa di pubblicità. Qualche piccola tensione in via Alfieri, subito dopo l’apertura delle Poste, con la Polizia che è dovuta intervenire per sedare gli animi di alcuni che volevano superare la coda, in particolare una donna peruviana che protestava per l’ordine di entrata.

Ordine e tranquillità anche nella maggior parte degli uffici postali della provincia, dove le pratiche di regolarizzazione si sono svolte nel rispetto dei ruoli e delle posizioni.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 14 marzo 2006
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Regolarizzazione, arriva l'ora X 4 di 10

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.