Stop al fumo nei locali del Ticino

Quasi l'80 per cento dei cittadini ha votato a favore dell'introduzione del divieto

Vita dura per i fumatori anche fuori dai confini italiani: lo stop alle sigarette in bar, ristoranti e discoteche è stato deciso anche in Canton Ticino. Il provvedimento ha avuto il via libera definitivo nella giornata di ieri, domenica 12 marzo, quando il 79,1 per cento dei ticinesi – più di novantamila votanti – ha dichiarato il suo "si" al divieto di fumo nei locali pubblici

Niente da fare dunque per il comitato "Basta divieti, più libertà" che aveva proposto il referendum per impedire l’introduzione del provvedimento a "tutela" dei fumatori e che invece non ha conseguito il risultato sperato. Il Ticino, seguendo la strada intrapresa più di un anno fa dalla vicina Italia, diventa così il primo cantone svizzero a proibire il fumo all’interno di bar, negozi e ristoranti e gli esercenti avranno a disposizione un anno di tempo dall’entrata in vigore del testo di legge per adeguare i loro locali. Come in Italia infatti è stata prevista la possibilità di creare aree attrezzate appositamente per i fumatori secondo i parametri della nuova normativa.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 marzo 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.