Un telegramma per le poste

Attraverso un telegramma, l’Arci invita i dirigenti postali e i sindaci a dare assistenza alle persone in coda

Due giorni di freddo e di attesa. Questa è stata la realtà che molti immigrati in attesa di regolamentazione hanno dovuto vivere davanti alle porte dell’ufficio postale.

In previsione di code e disagi, il gruppo “Arci” , per garantire la tutela delle persone costrette ad aspettare per dare un senso al loro futuro, ha inviato un telegramma ai sindaci e ai dirigenti postali delle maggiori città italiane. Lo scopo era chiedere la predisposizione di misure di emergenza, ma soprattutto di assistenza come atto minimo di civiltà.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 14 marzo 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.