Zezza: “Per prima cosa puntiamo sul sociale”

Un comunicato dell'assessore ai servizi sociali della Lega Nord

Riceviamo e pubblichiamo

A quasi un anno dalle Elezioni Amministrative, dove legalità, voglia di cambiamento con il passato e di conferma di un movimento politico nato e cresciuto tra la gente, hanno permesso a noi del carroccio di amministrare,è lecito fare dei bilanci, ovviamente nel campo di mia competenza: il
sociale.
In quest’arco di tempo molte cose sono state fatte e tante altre ancora restano da realizzare. Come assessore ai servizi sociali mi sono dedicata inizialmente ai problemi urgenti che interessavano persone in serie difficoltà riuscendo nella maggior parte dei casi ad aiutarle.
Valutando poi le esigenze della popolazione ho ritenuto importante dare la precedenza all’attivazione di alcuni servizi quali: tele-assistenza, sportello di ascolto telefonico, assistenza domiciliare, prenotazioni ambulatoriali, servizio farmaci e di trasporto presso i centri ospedalieri.
Il target a quale si rivolge l’Amministrazione Comunale, sono tutte quelle persone che vivono sole, soprattutto alla fascia anziana della popolazione, perché da un lato sono parte integrante della comunità e dall’altro custodi della tradizione della cultura e dell’esperienza di vita, che è nostra
speranza essere stata tramandata ai nipoti.

– Il telesoccorso prevede che l’abbonato, ogni qual volta ne avverta il bisogno, in qualsiasi orario e senza alcun limite nel numero di chiamate, possa contattare la centrale operativa e dialogare con gli operatori Televita per avere consigli, conforto, sostegno. Lo staff che presta il servizio è specializzato e composto da persone capaci di fornire l’aiuto e l’assistenza necessari nel campo medico, legale e tecnico-domestico.

– Lo sportello telefonico, offre a tutti i cittadini un’assistenza telefonica sociale-sanitaria, tutti i sabati dalle 8:30 alle 12:30.

– Il servizio di assistenza domiciliare gratuito è erogato dall’ASL. È rivolto a persone che hanno bisogno soprattutto di un’assistenza di tipo infermieristico. Per accedere al servizio è necessario il parere del propriomedico curante. Se il medico  ritiene opportuno che il richiedente possa beneficiare di questo servizio, rilascerà all’assistito l’impegnativa da portare agli uffici ASL competenti. Per quanto riguarda invece il Servizio di Assistenza Domiciliare comunale, ad oggi posso garantire che l’Amministrazione ha recentemente aderito ad una proposta di servizio convenzionato di imminente attivazione.

– Il servizio di prenotazioni specialistiche ambulatoriali è completamente gratuito e si riferisce alla gestione della prenotazione di prestazioni specialistiche ambulatoriali. È  stato attivato nel luglio 2004 grazie alla convenzione proposta dalla Azienda Ospedaliera "Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi" di Varese per un periodo sperimentale di sei mesi, durante i quali sono state evase numerose richieste. Sulla base dei risultati ottenuti  abbiamo ritenuto opportuno rinnovare il servizio. È rivolto a tutti i cittadini che hanno bisogno di fare esami specialistici presso le strutture ospedaliere o convenzionate. È possibile, presso l’ufficio di segreteria del Comune negli orari di ufficio di apertura al pubblico, prenotare la visita specialistica senza doversi recare presso gli sportelli ospedalieri.  Nell’arco di tempo di 24 ore arriverà la conferma dell’avvenuta prenotazione e verrà rilasciato dal Comune il foglio di prenotazione che dovrà essere esibito direttamente il giorno della visita unitamente, se non esenti, al bollettino per il pagamento del ticket. Grazie a questo servizio, sarà possibile evitare code agli sportelli ospedalieri ed il disagio di doversi recare più volte all’ospedale.

– Dal primo settembre è possibile ritirare i farmaci presso la sede dell’ambulatorio comunale senza doversi più recare in farmacia. Considerata l’attuale ubicazione della nuova farmacia si è pensato di agevolarne  il ritiro mettendo a disposizione la sala d’aspetto dell’ambulatorio.

– Per aiutare le persone impossibilitate a recarsi negli ospedali per le varie visite perché prive di mezzi di trasporto o perché necessitano di accompagnamento, il Comune ha messo a disposizione un mezzo proprio. Questo servizio è stato attivato grazie alla generosa e preziosa disponibilità di alcuni  volontari che hanno gentilmente messo a disposizione della comunità il loro prezioso tempo libero. A tutti loro va un "grazie" particolare.

Un chiaro messaggio a tutti quegli amministratori d’Italia, che si lamentano che in questo periodo anche le casse dei Comuni soffrono dei tagli imposti dall’alto: i conti pubblici soffrono, e la spada cade sulle amministrazioni, da anni non esenti da colpe in sperperi o spese senza una corretta presa
coscienza, forse perché abituati dalla classica politica della Prima Repubblica che prevedeva di realizzare opere, tanto qualcuno prima o poi le avrebbe pagate, sperperando così le tasse dei contribuenti.
Noi a Gemonio cerchiamo di amministrare in modo da non tagliare servizi ai cittadini, ma al contrario garantire un maggior sostegno, ovviamente in controtendenza a molte altre realtà, in cui il fare è stato sostituito dalla lamentela.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 01 marzo 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.