A Varese il “Sì” vince ma non sfonda

137 comuni su 141 promuovono la riforma costituzionale, ma a livello provinciale i voti favorevoli non raggiungono il 60%. Tutti i risultati Comune per Comune

Netta affermazione dei No a livello nazionale, ma la provincia di Varese viaggia in controtendenza. Dalle nostre parti è chiara, anche se non abissale, la prevalenza dei Si. In 137 comuni su 141 hanno prevalso i favorevoli alla riforma costituzionale targata Cdl. In termini percentuali, nella nostra provincia i Si hanno raccolto il 59,2% dei voti, i No il 40,8%.

A Varese il 57,2% dei votanti ha scelto il si, contro il 42,8% dei no. Risultato praticamente identico a Gallarate, dove i si hanno prevalso con il 57,9%, mentre i no si sono fermati al  42,1%. Ancora più netto invece il dato di Busto Arsizio: 61,5% di si contro 38,5% di no. Per gli amanti delle statistiche, l’affermazione più schiacciante si è avuta a Vizzola Ticino, dove i Si hanno raccolto addirittura il 73,2% dei voti. 

I quattro comuni dove ha invece prevalso il no alla riforma costituzionale sono Varano Borghi (51,1%), Crosio della Valle (50,3%), Caronno Pertusella (50,8%) e Mercallo (52%). «La gente ha capito che questa Devolution proposta dalla Lega è pura fantasia – afferma Marzio Molinari, sindaco di Varano Borghi – gli amministratori locali sono già in grado di tenere i soldi. Certo una vera riforma che introduca il federalismo fiscale sarebbe necessaria, ma questa riforma proposta dalla destra era solo terrorismo mediatico: i punti che andavano ad incidere sulla devoluzione dei poteri erano solamente una minima parte, il vero obiettivo era stravolgere i principi che sono alla base della nostra Costituzione».

Tutti i risultati della provincia di Varese, Comune per Comune.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 giugno 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.