Acqua, rimane alta la soglia di attenzione

Le autobotti dei Vigili del Fuoco non stanno effettuando rifornimenti. Aspem ringrazia i cittadini ma chiede di non abbassare la guardia

L’emergenza idrica non è terminata: se la situazione in qualche caso sta migliorando, in molti paesi rimangono in vigore le direttive e le ordinanze mirate al risparmio dell’acqua che prevedono i divieti di innaffiamento per orti e giardini, per il lavaggio delle automobili e il riempimento delle piscine.

In questi giorni per lo meno, i Vigili del Fuoco di Varese hanno interrotto il proprio servizio con le autobotti per rifornire i diversi acquedotti delle zone a secco. L’attenzione però deve rimanere alta, come fanno sapere anche i vertici dell’Aspem, una delle aziende nell’occhio del ciclone per quanto accaduto nei giorni scorsi. I dirigenti della società di servizi ringraziano attraverso un comunicato i cittadini che hanno leggermente ridotto i consumi consentendo alla rete idrica di "respirare" dopo le secche. Quel che però preme ad Aspem è la necessità di proseguire su questa strada per evitare brutte sorprese.
L’azienda varesina conferma che la carenza idrica non è dovuta a rotture o guasti improvvisi all’acquedotto, adducendo come causa la semplice scarsità d’acqua. "Nei giorni in concomitanza all’emissione dell’ordinanza del Sindaco – si legge nel comunicato – il consumo medio per abitante è stato di 500 litri/giorno, quasi il doppio rispetto allo standard. Le scarse precipitazioni hanno ridotto la disponibilità idrica, se non si fossero registrati consumi così elevati nessun varesino sarebbe rimasto senza acqua". Dopo l’ordinanza i consumi si sono attestati attorno ai 440 litri pro capite.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 giugno 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.