Acquistava anabolizzanti con ricette false

L'uomo di Castellanza è stato denunciato a piede libero, mentre i carabinieri scoprono il singolare "bottino"

Acquistava farmaci anabolizzanti presentando ricette contraffatte, ma è stato scoperto. Tutto è accaduto quando un uomo, lo scorso 17 giugno 2006, si è presentato in una farmacia di Gorla Minore, per acquistare una confezione di farmaci, ma il farmacista ha riconosciuto la falsità della ricetta, ed ha contattato i carabinieri di Saronno.

Le indagini hanno consentito di identificare il soggetto, tale V.C. di 37 anni, residente a Castellanza .
Nelle prime ore del 27 giugno è stata perquisita l’abitazione dell’uomo, delegata dall’Autorità Giudiziaria di Busto Arsizio, nell’ambito della quale sono stati rinvenuti e sequestrate 43 fiale di vari farmaci ad effetto anabolizzante e 26 compresse di un farmaco antitumorale.

Nell’abitazione sono stati ritrovati anche tre ricettari del Servizio Sanitario Nazionale ed uno dell’Ospedale di Legnano, dei quali deve essere ancora accertata esattamente la natura e la provenienza. Inoltre sono stati trovati anche tre timbri di medici realmente esistenti ma assolutamente ignari dell’accaduto, usati per rendere spedibili le ricette falsamente approntate.

Il soggetto è stato denunciato a piede libero ai sensi della Legge 376/2000 (cosiddetta “Legge antidoping”) e per il reato di “Falso materiale commesso da privato”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 29 giugno 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.