«Azzurri più forti, ma qui in Australia speriamo nel colpaccio»

Shayne Bannan, responsabile dello sbarco dello sport australiano nel Varesotto, racconta l'atmosfera prepartita ad Adelaide

«Ci sono milioni di persone in attesa: il calcio appassiona anche noi». La voce, lontana ma chiara, è quella di Shayne Bannan, l’uomo che si sta occupando di coordinare lo "sbarco" delle Nazionali australiane nel Varesotto attraverso il futuro "hub" che sorgerà a Gavirate, sulle rive del lago.

Bannan si trova ora ad Adelaide, mentre sulle nostre strade, nelle palestre e sulle acque varesine si stanno allenando ciclisti, pallavolisti e canottieri provenienti dalla terra dei canguri. Dalla sua "postazione privilegiata", Shayne ci racconta il clima che precede Italia-Australia, che si giocherà alle 17 (ora locale) a Kaiserslautern.
Mister Bannan, ci racconti come la sua Nazione vive l’attesa del match di oggi.
«C’è davvero un’aspettativa alta per la partita. La gara inizierà a mezzanotte ma nessuno andrà a dormire. Molti ristoranti, pub e locali hanno organizzato serate per vedere Italia-Australia insieme. Qui ci sono anche molte persone di origine italiana e credo proprio che sarà per tutti una festa da vivere assieme».

Chi sono i giocatori più attesi tra i "Socceroos"?
«Direi che gli occhi sono puntati soprattutto sui due che giocano nel Parma, Bresciano e Grella, e sulla coppia d’attacco composta da Viduka e Kewell».

Lei è sempre in contatto con gli australiani che si allenano nel Varesotto: avete parlato anche dei Mondiali di calcio?
«Sì, certo. In questo momento ci sono una cinquantina tra atleti e tecnici. Mi hanno raccontato che guarderanno la partita tutti insieme: anche tra loro sta crescendo una certa attesa».

Per concludere, qual è il suo pronostico?
«Beh, credo che per l’Australia sia difficile passare il turno, perché l’Italia è una squadra davvero molto forte. Però fino a questo momento la squadra di Hiddink ci ha regalato parecchie belle sorprese. Incrociamo le dita!».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 giugno 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.