Benini e Molinengo: la DiMeglio non si ferma più

Dopo Parenti la società biancorossa ingaggia altre due giocatrici

La DiMeglio Busto prosegue a ritmo serrato la propria campagna acquisti: nel week end altre due giocatrici hanno firmato per la società del presidente Forte, poche ore dopo Daria Parenti.

Si tratta di Giulia Benini e di Michela Molinengo, entrambe provenienti da stagioni importanti proprio in serie A2, provenienti rispettivamente da Urbino e Rivergaro.
Benini (nella foto contro Alice Blom) è un opposto di 23 anni nata a Fano e alta 1,88 che nell’ultimo campionato è stata la miglior realizzatrice italiana del torneo (quinta assoluta), con 527 punti in 116 set giocati. Potente in attacco, in soli due anni è diventata una delle protagoniste di categoria prima con la maglia della Fornarina Civitanova Marche (con cui ha vinto la Coppa Italia nel 2005/06), poi con quella, appunto, di Urbino.

Poche ore dopo è stata la volta di Michela Molinengo (foto a destra), compagna di squadra di Parenti tra le piacentine del Rebecchi Rivergaro, formazione che ha vinto il campionato appena concluso. Molinengo, cuneese di 28 anni è alta 1,60 e viene considerata una delle migliori in circolazione nel ruolo di libero: prenderà quindi il posto di Cozzi che non sarà l’unica giocatrice a fare le valige. Difficilmente infatti verranno confermate le altre protagonista di quest’anno, almeno per il sestetto titolare, ad eccezione di Luciani e Viganò già rifirmate.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 giugno 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore