Centonovantadue anni di Arma

I Carabinieri hanno festeggiato l’anniversario nella Basilica di San Giovanni

Il ricordo dei militari caduti in Iraq negli ultimi mesi è stato al centro della celebrazione del 192esimo anniversario di fondazione dell’Arma dei Carabinieri che si è svolto sabato 10 giugno nella Basilica di San Giovanni. Alla presenza delle autorità religiose, civili e militari Monsignor Claudio Livetti ha officiato la messa in cui ha ricordato che «la fedeltà è ciò che contraddistingue i nostri militari. Il mio pensiero va quindi ai genitori di Alessandro Pibiri (l’ultima vittima fra i militari del contingente italiano in Iraq, caduto nell’attentato del 5 giugno, ndr) e ai militari ancora ricoverati all’Ospedale Militare del Celio e a tutti coloro che di fronte al pericolo non sono fuggiti».
Anche Ferruccio Graziani, presidente dell’Associazione bustocca dei Carabinieri, e il capitano Giorgio Tommaseo, dedicano le loro parole ai caduti, ricordando «come l’Arma è sempre stata una forza attiva al servizio dello Stato. In questi 192 anni  abbiamo mantenuto fede al nostro impegno con le istituzioni e oggi siamo una forza moderna ma ben ancorata alla sua storia. Per la compagnia di Busto questo è stato un anno denso si lavoro, portato sempre avanti con la consapevolezza che le esigenze del cittadino sono il nostro motivo d’essere».
Oltre a vari esponenti del mondo bustocco, sono intervenuti anche in sindaci dei comuni della Valle Olona. A loro si è rivolto il neo-sindaco di Busto Gigi Farioli, che ha ricordato che «la modernità rende i confini labili e oggi più che mai è urgente una collaborazione attiva fra comuni limitrofi. Ai militari voglio promettere che svolgerò il mio compito di primo cittadino nel rispetto dei diversi ruoli che rivestiamo».

Galleria fotografica

192esimo anniversario dell'Arma dei Carabinieri a Busto Arsizio 4 di 6

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 giugno 2006
Leggi i commenti

Galleria fotografica

192esimo anniversario dell'Arma dei Carabinieri a Busto Arsizio 4 di 6

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.