Cinque occasioni per ripagare Varese “in natura”

Inserite nel progetto di volontariato internazionale di Legambiente alcune aree della nostra provincia. Ecco quali

Passare qualche giorno in compagnia, riscoprire un rapporto diretto con la natura e impegnarsi a favore del pianeta. Questo offrono i campi volontariato di Legambiente, considerati da sempre una delle risorse principali messe in gioco dall’associazione in favore della natura. E anche quest’anno molti dei campi organizzati saranno ospitati dalla Lombardia, cinque dalla provincia di Varese in particolare. I 42 progetti lombardi in programma per il 2006 accoglieranno un totale di quasi 700 giovani tra i 18 e i 26 anni, da tutto il mondo. Molti provengono dall’Europa e dai paesi dell’est, ma sempre più folta è la rappresentanza dei volontari dell’Asia, giapponesi e coreani in testa, seguiti dai messicani.

Val Ceresio, Castiglione Olona, Lozza, Curiglia e Cuirone di Vergiate. Saranno queste le location varesine scelte dal cigno verde, ed ognuna ha da offrire un programma interessante e stimolante.

Per la Val Ceresio il comune ospitante è quello di Viggiù, un paese di 5mila abitanti al confine con la Svizzera ed immerso in storia e natura. Questa area prealpina del varesotto, ha una vegetazione molto varia, con boschi di castagni e faggi, aree di flora rupicola e ambienti torboso-paludosi, ricchi di presenze faunistiche. Il territorio è importante anche dal punto di vista geologico, in passato era famoso per i suoi “pica sass”, cavatori di pietra che rifornirono tra l’altro la fabbrica del Duomo di Milano. I lavori saranno principalmente quelli di manutenzione dei sentieri nei boschi del Monte Orsa, patrimonio dell’Unesco, ed in particolare lungo la linea Cadorna, le trincee della prima guerra mondiale trasformate in percorsi naturalistici. Inoltre i volontari saranno impegnati nella pulizia da rifiuti ed infestanti del parco. I ragazzi saranno coinvolti anche nell’organizzazione di eventi culturali in collaborazione con la popolazione locale.

Castiglione Olona, invece, è stato scelto per il parco Rile Tenore Olona, caratterizzato da una vegetazione tipica della brughiera lombarda. Nei suoi 14 km quadrati scorrono numerosi corsi d’acqua, tra i quali il più importante è il fiume Olona. Storia, tradizione e cultura completano il ricco quadro del territorio in cui si inserisce. I percorsi storico naturalistici sono l’intrinseco sfogo di un territorio che vanta presenze architettoniche dal Medioevo al Rinascimento. Un felice connubio tra storia e natura che non mancherà di offrire spunti alla voglia di rivalutazione e rilancio. Qui il lavoro sarà rivolto al mantenimento ed allo sviluppo della rete di sentieri del parco.

Lozzo e Curiglia, ovviamente, hanno progetti validi per la valle Veddasca, che occupa la parte più settentrionale della nostra provincia. L’area si presenta ancora oggi come solitaria e selvaggia, con testimonianze notevoli della cultura rurale prealpina. La storia degli insediamenti umani nella valle è molto antica, dimostrata dal ritrovamento di graffiti preistorici. La Val Veddasca è situata nelle immediate vicinanze del Lago Maggiore, luogo turisticamente incantevole. Sia a Lozzo sia a Curiglia i volontari saranno impegnati nella manutenzione dei sentieri montani.

Il progetto di Cuirone di Vergiate è legato alla riserva naturale del Monte S. Giacomo, nel parco del Ticino, data in gestione a Legambiente nell’ambito del progetto Retenatura. Questo é un luogo di notevole importanza non solo naturalistica ma anche storica per la presenza di resti archeologici risalenti al Medioevo. Si ritiene fosse un luogo sacro per i Celti: un Nemeton (cioè un bosco sacro). I lavori saranno principalmente quelli di manutenzione dei sentieri, oltre alla pulizia da rifiuti ed infestanti nell’area del Monte San Giacomo e delle sorgenti del torrente Donda. Come nelle esperienze precedenti i volontari saranno ospitati nelle case degli abitanti di Cuirone, e si riuniranno per i pasti in una struttura messa a disposizione dal comune.

Questa partership tra regione e Legambiente per attività di volontariato di questo tipo si ripete quest’anno per la sesta volta. In sei anni sono stati proposti oltre 200 campi, per una partecipazione forte, di circa 3mila volontari. Oltre ai volontari dei campi si stanno ospitando Volontari del Servizio Europeo, progetti a Medio Termine, soggetti svantaggiati. In particolare su quest’ultimo aspetto del progetto, dopo alcuni anni di sperimentazione, si è stipulata una convenzione con il Dipartimento Giustizia Minorile di Milano per l’inserimento di questi ragazzi in percorsi di volontariato.

Tutti i programmi partiranno intorno ai mesi di luglio e agosto. Per ulteriori informazioni, e eventuali iscrizioni "last minute", consultate le pagine di Legambiente.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 22 giugno 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.