Come rendere un’assemblea davvero aperta a tutti

Diffusa e conservata in streaming video l’assemblea annuale API: così l’associazione industriale ha diffuso il suo dibattito sulla formazione in azienda

Avevano promesso che sarebbero stati aperti alla modernità e alla diffusione delle informazioni, con un progetto nato nell’ambito dei giovani Imprenditori.  E l’hanno messo in pratica con una prima prova che desta per lo meno curiosità.
L’assemblea annuale di Api Varese, l’associazione delle piccole e medie industrie provinciale, che si è svolta lunedì 26 giugno presso la Hotel Villa Chateau Porro Pirelli è stata diffusa, ed è ancora on line in streaming video, ospitata sul loro sito ufficiale con unam odalità anche tecnicamente pratica.

Così, Formare le imprese per formare la competizione. Il capitale umano rappresenta la vera ricchezza delle economie post-industriali del 3° millennio” è diventata patrimonio non solo dei partecipanti all’evento, ma di tutti coloro che si appassionano all’argomento e al dibattito, con una offerta di “convegno a domicilio” che ha un valore certamente, informativo, d’archivio, ma che può rappresentare – nell’era dell’adsl – anche una via nuova per approfondire temi di interesse specifico e rendere merito a dibattiti di qualità che magari rischiano di essere persi dai più.

Una buona idea e un consiglio anche alle Università, per esempio, che hanno già organizzato perle di convegni che meritavano un pubblico molto più vasto di quello poi rilevato dal vivo.  E una buona occasione di essere riascoltati per i relatori, che tra gli altri annoveravano Attilio Fontana, neo sindaco di Varese, il presidente Confapi Paolo Galassi, il sottosegretario alla presidenza della Regione Lombardia Raffaele Cattaneo, e dell’assessore provinciale nel Settore Lavoro, Formazione professionale e Istruzione Andrea Pellicini.

Un dibattito che ha toccato argomenti ancora ora molto sensibili, e che «prevede una soluzione di qualità» come ha sottolineato il sindaco di varese Attilio Fontana. E che deve affrontare un mercato

«con politiche che generano consumi ma che non aiutano il nostro mercato, dando la possibilità così di soddisfare i consumi aiutando le aziende altrui e giocando contro di noi»come  ha sottolineato Paolo Galassi presidente di Confapi.

In un mercato così «dove la competizione è al ribasso del prezzo , si può controbattere solo con la qualità e la formazione» ha esordito il presidente Api Varese Colombo: e l’evoluzione del dibattito da lui aperto è qui.

Lo streaming dell’assemblea
Il sito di Api Varese

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 giugno 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.