“Decodifichiamo il Codice da Vinci”

Satelios organizza un incontro per far luce sulle tesi del celebre romanzo di Dan Brown; appuntamento il 29 giugno all'auditorium del Collegio Arcivescovile Castelli

"Il Codice da Vinci", "Angeli e demoni": due best-seller che hanno trionfato in edicola con trame avvincenti dove si intrecciano misteri e complotti che chiamano in causa istituzioni e dogmi della Chiesa cattolica. C’è chi pensa si tratti solo di fantasia, c’è chi crede che i racconti di Dan Brown siano realtà storica: da parte sua Satelios ha deciso di intervenire  e di organizzare un incontro per dire la propria e battersi contro le teorie di Dan Brown.

Due sono i relatori della serata. Il primo è Massimo Introvigne, direttore del CESNUR (Centro Studi Nuove Religioni) e membro della sezione di sociologia della religione dell’associazione italiana di sociologia. E’ autore di oltre quaranta volumi e per questa occasione presenterà il suo libro. “Gli Illuminati e il Priorato di Sion”, le due società segrete attorno cui ruotano i romanzi di Dan Brown. Ai primi 150 spettatori che entreranno nell’auditorium, Satelios, grazie agli sponsor, regalerà  una copia del libro.

Data la delicatezza degli argomenti da trattare, nella programmazione dell’incontro, Satelios si è fatta consigliare da Mons. Angelo Centemeri, Prevosto della Prepositurale SS. Pietro e Paolo di Saronno.

L’altro relatore è Aldo Capucci, giornalista e storico fra i più preparati in Italia su queste materie. L’evento sarà moderato dal segretario di Satelios, Carlo Mazzola, ma vi prenderà parte anche il presidente dell’associazione, Gianfranco Librandi.

Visita il sito di Satelios


"Decodifichiamo il Codice da Vinci"
29 giugno, ore 21
auditorium del Collegio Arcivescovile Castelli
piazza Santuario, 10 a Saronno

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 giugno 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore