Devoluzione, incontro pubblico a Tradate

Venerdì 16 Giugno alle ore 21 a Villa Truffini interverranno Roberto Castelli, Dario Galli e Massimo Buscemi

Riceviamo e pubblichiamo

Oramai mancano pochi giorni ai fatidici giorni, dove il popolo verrà chiamato ad un referendum storico relativo alla modifica della Costituzione Italiana approvata in Parlamento il 16 Settembre 2005.
La grande riforma è composta da 8 punti fondamentali per cominciare a pensare e ragionare in senso federale, il cuore della riforma è la devolution dove finalmente le regioni potranno decidere e legiferare su sanita’-polizia locale-istruzione, il tutto contribuirà a migliorare i servizi offerti, inoltre, ci saranno meno sprechi e più trasparenza nei confronti dei cittadini.
Questo referendum per la coalizione di centro destra è la base per riuscire a bloccare lo statalismo del governo Prodi, inoltre, servirà a far capire agli esponenti dell’attuale maggioranza che è ora di finirla di continuare a ragionare in senso assistenziale, per cui con più autonomia, parola tanto a cuore a noi della Lega Nord.
Anche le regioni abituate nei corsi degli anni a vivere di sussidiarietà e contributi straordinari dovranno rimboccarsi le maniche cominciando a creare una propria ricchezza e quindi non gravare più sullo Stato che a sua volta si avvale delle nostre sempre più gravose tasse per far fronte al fabbisogno delle regioni.
Per questi motivi, e non solo il Comitato per il Si organizza nella serata di venerdì 16 Giugno alle ore 21 presso Villa Truffini a Tradate un  Incontro Pubblico veramente ricco di ospiti dove si parlerà e si spiegherà quale saranno i vantaggi nel caso ci sia una Vittoria dei SI.
Interverranno il Sen. Roberto Castelli capo gruppo al Senato ed ex Ministro di Grazia e Giustizia – Il Sen. Dario Galli vice capo gruppo al Senato – l’Assessore Regionale Massimo Buscemi e altri esponenti della coalizione.
Confidiamo in una forte partecipazione di pubblico proprio perché il 25 e il 26 giugno sono giornate che potranno veramente segnare la Storia, infatti si potrà finalmente passare da uno Stato Centrale dove tutto passa dai suoi numerosi uffici ad uno stato piu’ snello quindi federale.
Alla fine della serata ci sarà la possibilità da parte del pubblico di fare domande e quindi chiarire meglio il senso del Federalismo, specialmente per chi è titubante o indeciso li invito a partecipare alla serata così da sgombrare il campo dai dubbi sollevati mediante dichiarazioni  televisive volte a far credere che questa riforma è inutile e non positiva per il Paese.
Ecco noi vogliamo combattere queste falsita’ e bestialità tali da creare un clima di terrorismo arrivando a dire che divideremo l’Italia niente di più assurdo,pensate agli altri Stati Federalisti non sono per niente divisi e sicuramente stanno meglio rispetto al nostro Paese sempre più centrale e sempre meno innovativo.
Con sempre più esponenti politici i quali con il centralismo continueranno a comprare voti e mettere nella stanza dei bottoni personaggi dubbi e sicuramente non paladini dei cittadini ma al contrari curano i loro interessi.
Il loro Slogan: Più Assistenzialismo = più voti.
Noi diciamo basta a queste nefandezze e con il sì confidiamo in una migliore trasparenza e più soldi per far crescere il nostro territorio.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 giugno 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore