Doping: Basso tra gli indagati in Spagna

L'anticipazione arriva dalla radio Cadena Ser. Il ciclista sarebbe coinvolto per via dei rapporti con il medico Fuentes

L’indagine condotta in Spagna contro il doping sembra toccare anche Ivan Basso e molti altri ciclisti di primo piano. Lo sostiene la radio iberica Cadena Ser, secondo la quale il nome del campione cassanese sarebbe contenuto negli atti dell’indagine denominata "Operaciòn Puerto", atti sui quali i giudici stanno per togliere il segreto istruttorio.

Con Basso sarebbero implicati anche Jan Ullrich, il principale avversario del cassanese al Tour de France che scatterà sabato 1 luglio, Joseba Beloki, Roberto Heras, Tyler Hamilton, Santiago Botero, Santi Perez, Francisco Mancebo, Sevilla, José Gutierrez Catalunya e altri ancora, per un totale di 58 atleti. Secondo l’accusa le persone citate avrebbero avuto rapporti di collaborazione con il medico spagnolo Eufemiano Fuentes, arrestato a maggio insieme a Manolo Saiz, direttore sportivo della Liberty Seguros. La squadra spagnola, dove milita il kazako Vinokourov (altro favorito al Tour) sta in queste ore aspettando il verdetto del tribunale arbitrario per partecipare alla corsa a tappe francese.
Già durante il Giro, quando scoppiò il caso, uscì il nome di Basso in un’intercettazione nella quale per altro non vi erano estremi per un’azione legale. Il fatto che sia tra gli indagati fa supporre che potrebbe esserci qualcosa di più a suo carico, ma per il momento si resta nel campo delle ipotesi.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 29 giugno 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore