Emergenza acqua si aggrava la situazione

Altre ordinanze a Gallarate, Carnago e Castiglione

La crisi dell’assenza di acqua potabile continua ad aggravarsi e alle misure preventive di ieri se ne sono aggiunte altre.  I vigili del fuoco di Varese continuano a rifornire, con autocisterne da 15 e 8 mila litri, sei città: Azzate (dove la situazione è più critica), Sumirago, Viggiù, Galliate Lombardo, Daverio e Tradate.  A questi si sono aggiunte nelle ultime le ordinanze di Carnago, Gallarate e Castiglione. In tutti questi casi si limita l’uso dell’acqua dalle 18 alle 22.  Quindi è possibile solo farne un uso strettamente domestico, mentre tutto i lresto (lavare macchine, bagnare giardini etc, etc) è severamente vietato. A Tradate è stato esteso il divieto per tutta la notte mentre è rientrata l’emergenza dell’ospedale a cui è stato garantito l’approvvigionamento.

Continuano a piovere lettere dei lettori sulla redazione: segnalazioni, denunce, critiche e proposte.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 giugno 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore