Festa, arte e cultura: le scuole si congedano

L'Istituto comprensivo chiude l'anno presentando le tante attività realizzate. Arte, teatro, musica e laboratori

È tempo di festa all’Istituto Comprensivo “De Amicis” di Castronno.
Come ormai è consuetudine, a conclusione di un anno ricco di iniziative dal 27 maggio al 10 giugno nelle rispettive sedi scolastiche è in calendario  una serie di appuntamenti pensati sia per evidenziare il lavoro svolto durante il corso dell’anno dai vari plessi, sia per rappresentare sottoforma di saggi, esposizioni ecc. la sintesi e l’unità di indirizzi proposti dall’istituto.

Il 27 maggio scorso, dalle ore 8,30 la scuola Media “Macchi” di Caronno Varesino ha organizzato la “Festa della scuola” promossa e coordinata dal comitato genitori, con teatro a cura della 1B a conclusione di un percorso sul pianeta “Fiaba”, spettacolo musicale in collaborazione con l’associazione musicale “Gruppo Amicizia”, mostra dei lavori dei ragazzi, ”Ricicl’arte”, decoupage che ha dato vita a cornici, cofanetti, lavagne notes, vassoi ecc…;  premiazioni sportive e rinfresco per tutti.
Tra i vari laboratori si segnala quello creativo che ha incentivato la manualità e la creatività dei ragazzi attraverso l’uso della carta nelle sue varie tipologie: dalla carta cotone a quella con inserti vegetali, dal cartoncino bristol a quello ondulato con aggiunte di caramelle, bottoni, conchiglie, fiori secchi, carte da gioco, foto..che hanno dato vita a blok-notes a tema.
Nel laboratorio denominato “Mestieri dell’arte” gli allievi delle diverse classi si sono trasformati in “progettisti in erba”, guidati all’ideazione di oggetti alla moda di uso comune. Arte quindi come mestiere del domani e, solo per menti creative “arte come finestra per l’orientamento”.

La giornata si è conclusa alle 21 al salone parrocchiale con la rappresentazione dello spettacolo teatrale “Barbadiferro e i 12 gnomi” fiaba in due atti di Giosuè Romano in collaborazione con l’associazione Avis. 


Grande lavoro anche per la scuola elementare di S. Alessandro che “andrà in scena” il prossimo 8 giugno alle ore 10,30 con una festa che coinvolgerà i genitori nel canto, selezionato al concorso “Il cuoricino d’oro”.

Il giorno prima, la scuola elementare Pascoli di Castronno presenterà alle ore 20,30 durante la festa con i genitori un concerto realizzato con l’associazione Greensleaves, a conclusione del progetto “Primary Gospel”, una stimolante attività ludica ideale per iniziare i bambini allo straordinario mondo della musica!

Si tratta di una singolare iniziativa che ha coinvolto gli alunni della scuola Primaria di Castronno suscitando  vivo interesse ed entusiasmo. Durante il secondo quadrimestre dell’anno scolastico, oltre duecento bambini hanno dato vita ad un vero e proprio coro Gospel guidati dall’eccezionale maestro Davide che ha saputo coinvolgerli e divertirli. Lo straordinario coinvolgimento  dimostra come la musica Gospel possa arricchire l’esperienza del bambino di una genuina dimensione umana; è una musica che emoziona, accresce le capacità espressive, stimola quelle creative, aiuta a sviluppare la voce e il senso ritmico.


La sera dell’8 giugno alle ore 21 presso la scuola media di Castronno, gli alunni di 1B  proporranno a conclusione di un percorso, durato l’intero anno scolastico, la favola “Il Flauto magico” spettacolo di teatro e musica liberamente tratto dall’opera di W. A. Mozart con interventi musicali del laboratorio “Orchestra” che eseguirà anche alcuni temi dell’opera del grande compositore.

Sabato 10 giugno inoltre dalle ore 11 presso la sede a Castronno sarà allestita una mostra di lavori realizzati dai ragazzi nel corso dei  laboratori ed attività proposti durante l’intero anno scolastico: decorazione su vetro, incisione d’arte, fotografia, il libro “La leggenda del buco nel lago” e mostra di botanica a cura della 1A, momenti musicali, premiazioni sportive, e  alle ore 12,15  Pizzainsieme.  

Un momento significativo per trarre il bilancio di un anno denso di attività: i giochi sportivi studenteschi, la partecipazione di opere di incisione e maschere ad una mostra in Bielorussia in collaborazione con Legambiente-progetto Chernobyl, le uscite didattiche ambientali, culturali  a teatro e alle mostre d’arte.
Si ricorda anche l’importante progetto “Il futuro della memoria “ a cura della classe IIIA di Castronno, che ha avuto come finalità l’educazione al rispetto delle libertà e delle differenze individuali per la difesa della democrazia nella nostra società.
Il percorso didattico, che ha coinvolto emotivamente tutti i ragazzi, oltre ad approfondimenti testuali e visione di film, ha visto l’intervento di letterati, come  lo scrittore Scomazzon in “Maledetti figli di Giuda vi prenderemo” (sulla caccia agli ebrei nel Varesotto a partire dal 1943), intervistato dallo storico  Giannantoni ed un incontro con il presidente dell’A.N.P.I. di Varese.
 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 giugno 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore