I bambini non nascono sotto i cavoli, ma crescono al Girasole

Una struttura accogliente e spaziosa offre un servizio ai bambini da 0 a sei anni. Trecento metri quadrati per accogliere una settantina di piccoli ospiti

È un Girasole con tanti petali quante sono le attività a disposizione dei piccoli ospiti. Parliamo dell’asilo nido/ scuola materna di Travedona Monate, aperto dal 1999 e che, dallo scorso anno, conta anche su di una "succursale" a Biandronno in via Garibaldi 2.

Trentaquattro bambini tra i 6 mesi e i tre anni e altrettanti tra i tre e i sei, con 5 educatrici per i piccolini ( due per i lattanti e tre per i grandi) oltre a due educatrici per i più grandicelli ( che rimangono fino ai sei anni solo se già ospiti del nido), mentre a Biandronno i 24 bimbi dai 12 mesi ai tre anni sono accuditi da tre educatrici.

Nei trecento metri quadrati a disposizione  a Travedona in via Mazzini al civico1, sono stati ricreati diversi "angoli": musicale, manipolativo, morbido, pittorico, simbolico, della lettura, dell’acqua, del rilassamento e del gioco con le costruzioni, a disposizione dei piccoli ospiti per lasciare libero sfogo al loro umore: «Le attività di gruppo si svolgono prevalentemente alla mattina – spiega Romina, una delle educatrici –  Poi i bambini sono lasciati liberi di giocare e distrarsi come meglio credono. In questo modo possiamo osservarli e comprendere la loro espressività ed emotività».

A livello pedagogico, le educatrici si ispirano al modello Montessori e a quello Steiner, nel senso che preferiscono assecondare il bambino agevolandolo nelle sue manifestazioni: «Il nostro metodo educativo non può essere catalogato rigidamente. Noi ci teniamo costantemente aggiornati sugli sviluppi pedagogici e apportiamo gli accorgimenti che meglio si adattano al nostro stile, alla nostra struttura e anche al gruppo di bambini».

Che siano sempre in movimento si vede proprio dalle grandi rivoluzioni che non hanno timore di mettere in cantiere: hanno appena ridisegnato la parte interna e già pensano ad allargarsi, appena arriveranno le autorizzazioni dal Comune. Anche il grande e ombreggiato giardino esterno permette ai bambini di divertirsi in mille maniere.

Il contatto con la natura è un elemento costante dell’asilo Il Girasole: si studiano le stagioni, la terra, gli animali. Con la collaborazione di due educatrici della Lipu, quest’anno i bambini hanno affrontato un bellissimo percorso che li ha visti affrontare il delicato tema dell’inquinamento. Dal progetto è venuto fuori uno spettacolo di due ore che i piccoli ospiti hanno proposto alle famiglie in occasione del Natale: « Ci è sembrato comunque un discorso natalizio: il messaggio riguardava la salvaguardia della natura,  il diritto alla vita, il rispetto del creato, la sopravvivenza umana in armonia con ciò che ci circonda. È stato un lavoro emozionante e coinvolgente che ha riscosso molti applausi, oltre ad aver dato ai bambini un saggio delle principali regole della convivenza, del risparmio dell’acqua, dello smaltimento dei rifiuti».

All’interno del nido vivono anche due piccole tartarughe: animali di cui i bambini si prendono cura per sviluppare in loro l’attenzione all’altro.

«Le giornate dei nostri ospiti iniziano sempre presto: apriamo alle 7.30 e fino alle 9.30 continuano ad arrivare. L’asilo chiude alle 18 dopo una giornata piena che entusiasma i bimbi, in genere poco propensi a tornare a casa e comunque sempre molto rilassati. Noi non abbiamo chiusura estiva e siamo punto di riferimento per molte famiglie della zona. Anche in agosto accogliamo i bambini e li allietiamo ospitandoli nel nostro fresco giardino o nelle piscine che allestiamo nella parte più soleggiata. Cerchiamo in tutti i modi di agevolare i genitori che lavorano, mettendo a disposizione degli esperti almeno una volta al mese. Dal prossimo anno vorremmo anche offrire un servizio di consulenza sia psicologica, sia pedagogica. Abbiamo anche calmierato i prezzi: per il nido si paga 450 euro al mese esclusi i pasti, per la materna  250 euro pranzi inclusi».

Al Girasole, la dura vita del bambino diventa meno complicata….

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 giugno 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.