I Ds riportano il palaghiaccio in consiglio comunale

La Quercia ha presentato un'interrogazione urgente in cinque punti sulla struttura di via Albani

Nonostante l’hockey sia uno degli sport più fuori stagione del momento, l’attenzione sul palaghiaccio si riaccenderà nel prossimo consiglio comunale a causa di un’interrogazione urgente presentata dai Ds.

Il 30 giugno scade infatti il bando per presentare progetti di riqualificazione sia per l’area dello stadio (e qui è ben nota l’azione portata avanti dal Varese e dai Sogliano) sia per quella del PalAlbani (nella foto i ragazzi dell’H.C. Varese), per il quale il ministero ha tempo fa stanziato oltre due milioni di euro per realizzare un museo del ghiaccio.
«Dato che – si interroga la Quercia – permane la necessità di una manutenzione urgente per circa 4,2 milioni di euro, chiediamo a Sindaco e Giunta di risponderci su cinque punti».
I Ds, con il documento firmato dallo storico componente della commissione sport, Fabrzio Mirabelli, domandano anzitutto «se è vero che la concessione provvisoria è costata al comune circa 160mila euro, prima a carico dei gestori». E ancora: «È vero che le spese quest’anno aumenteranno visto il lungo periodo di chiusura della piscina, ed è vero che le società concessionarie siano obbligate a versare al Comune gli utili affinché la città non abbia a suo carico eventuali ripianamenti di debiti?».

La quarta domanda verte invece sulle modalità di vigilanza nel corso della realizzazione delle opere di manutenzione che dovranno seguire il bando di gara, mentre per concludere i Ds allargano il tiro, chiedendo che anche la Provincia venga interessata alle vicende del Palaghiaccio, visto che quello di via Albani è l’unico impianto simile sull’intero territorio.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 giugno 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.