I Ds si presentano e non risparmiano la stoccata

"Giunta di riserve, composta con il manuale Cencelli". E sui programmi: "Grande attenzione a viabilità e cultura"

Cinque nodi cruciali, la promessa di un’opposizione propositiva, una mano tesa agli alleati: si presenta così la squadra (nella foto, con l’onorevole Marantelli, manca Maresca) con cui i Democratici di Sinistra parteciperanno al rinnovato consiglio di Palazzo Estense.

A presentare i compagni di schieramento e le linee guida della Quercia, il capogruppo Emiliano Cacioppo, al quale è toccato fare il punto della situazione dopo la tornata elettorale. «Il gruppo è passato da 5 a 7 consiglieri, frutto di un incremento di circa 700 voti rispetto alle scorse amministrative, nonostante un’affluenza in calo. A noi sette aggiungiamo i 14 eletti nelle circoscrizioni: devo per questo ringraziare tutti i candidati grazie ai quali abbiamo centrato questo ottimo risultato. Tra l’altro faccio notare come solo quattro componenti del nostro gruppo consiliare (Cacioppo, Mirabelli, Antonellis e Maresca) sono iscritti al partito, mentre tre (Miedico, Corbetta, Zito) sono indipendenti: un segnale dell’apertura alla società civile».
Sul piano politico, Cacioppo incalza subito la nuova Giunta «una squadra composta da riserve, realizzata con il manuale Cencelli. Con una connotazione leghista eccessiva rispetto ai voti ottenuti e senza quegli elementi premiati dalle preferenze degli elettori».

I Ds promettono un’opposizione «seria, costruttiva, per affrontare i nodi reali della città». Una dichiarazione che prevede cinque obiettivi principali. Il primo è quello del miglioramento della viabilità e delle infrastrutture ad essa collegate (parcheggi) con al centro la costruzione della tangenziale Nord-Est di Valle Olona («con la variante da noi proposta, di un interramento al posto del sovrapassaggio» spiegano) e i parcheggi. Oltre a questo le priorità riguardano il problema della crescita economica della città (attraverso un piano della abitazioni), la cultura («scandaloso il fatto che manchi ancora uno spazio museale per Flaminio Bertoni»), i rapporti con le università del territorio e il Ccr di Ispra, il problema delle carceri («Mai a Bizzozero, meglio un’area dismessa»).

In ordine di tempo però, sono altri due gli argomenti di cui occuparsi: l’elezione del presidente del consiglio comunale e la questione stadio per il quale tra poco scadrà il termine per presentare i progetti di riqualificazione. «È assurdo che si sappia già il nome del presidente del consiglio: noi non vogliamo indicare nessuno, ma chiediamo di discutere insieme la scelta per un incarico di garanzia. Tra l’altro, riteniamo che Morello, la persona indicata dal Centrodestra, manchi dell’esperienza necessaria per svolgere questo compito».
Sullo stadio, i Ds promettono di «valutare a fondo il progetto quando sarà presentato, entrando nel merito delle diverse problematiche». Anche qui Cacioppo non risparmia una stoccata a Fontana: «È grave che il sindaco, in fase di gara ancora aperta, abbia incontrato Sogliano, quindi un partecipante, a Palazzo Estense. Non è corretto, Fontana è un avvocato e certe cose dovrebbe saperle».

Quello delle strutture sportive è un altro argomento per cui si è spesso battuto proprio Fabrizio Mirabelli (potrebbe rientrare nella commissione), che chiude ricordando l’importanza di mettere mano sia agli impianti di alto livello sia su quelli destinati alle discipline scolastiche e amatoriali. «Manca un piano organico anche perché lo sport è sempre stata la "Cenerentola" dei finanziamenti. Varese, in questo campo, rischia il collasso».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 giugno 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.