In Valbossa è già emergenza idrica

Un abbassamento del bacino di Azzate causa una crisi generalizzata. Daverio il paese più colpito, l'Aspem porta due botti d'acqua

E’ già emergenza idrica a Daverio, nonostante ci troviamo di fronte solamente ai primi caldi estivi. Il livello del bacino idrico è notevolmente basso e nella parte alta del paese l’acqua comincia già a mancare. Secondo quanto riferito da Aspem, già in serata tutto il comune dovrà fare i conti con la penuria d’acqua.

Ieri l’azienda municipalizzata aveva segnalato un abbassamento del bacino idrico di Azzate, dal quale viene pompata l’acqua nel comune di Daverio. Oggi però la situazione si è ulteriormente aggravata, dando vita ad una crisi idrica generalizzata. Se infatti Daverio è il comune che più soffre questa situazione, l’emergenza riguarda un po’ tutti i paesi della Valbossa, chi più chi meno. Per far fronte a questa situazione l’ amministrazione comunale appena eletta, guidata dal neosindaco Alberto Tognola, ha immediatamente adottato delle contromisure. Innanzitutto, delle auto munite di altoparlanti stanno facendo il giro del paese per avvertire la popolazione dell’emergenza, mentre domani verrà diramato un comunicato che spiegherà più nei dettagli la situazione agli abitanti. Inoltre, questa notte verrà bloccata l’emissione di acqua nella zona industriale, in modo da permettere al bacino di riempirsi con maggiore rapidità, anche sfruttando l’altro bacino idrico della zona, quello di Crosio della Valle. Il contributo dell’Aspem è invece costituito da due botti d’acqua portate in paese ed installate in due punti strategici: piazza San Carlo, nella parte alta, e piazzale Avis, dietro al Municipio.

Questo per quanto riguarda le soluzioni nell’immediato. Per risolvere a fondo il problema, invece, Tognola ha ribadito la volontà espressa in campagna elettorale di collegare direttamente l’acquedotto di Daverio con il bacino idrico di Crosio. A tale proposito, già sabato è prevista una riunione tra le due amministrazioni comunali e l’Aspem.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 giugno 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.