L’apprendistato professionale, se ne parla a Univa

L'iniziativa maturata nell’ambito del Programma “inFORMARSI”: corsi gratuiti di aggiornamento per il personale delle imprese

L’incontro si terrà mercoledì 14 giugno 2006, alle ore 9.30, presso la Sede di Gallarate dell’Unione Industriali (via V. Veneto, 8/D).

L’apprendistato professionalizzante, istituito dalla Legge Biagi, costituisce l’unico strumento formativo attualmente utilizzabile per inserire in azienda giovani tra i 18 e i 29 anni di età ad un costo ridotto. L’applicazione dello stesso risulta tuttavia complicata dall’intreccio di normative che lo disciplinano (legge statale, legge regionale, contrattazione collettiva).

In Lombardia, inoltre, poiché la Regione non ha ancora legiferato in materia, l’apprendistato professionalizzante può essere utilizzato solo nei settori in cui il Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro abbia regolamentato compiutamente la materia.

Attualmente i contratti collettivi che hanno disciplinato l’apprendistato professionalizzante sono i seguenti:
           industria meccanica;

           industria tessile abbigliamento;

           industria alimentare;

           industria chimica, chimico-farmaceutica, delle fibre chimiche e dei settori ceramica, abrasivi, lubrificanti e GPL;

           industria della gomma cavi elettrici ed affini e all’industria delle materie plastiche;

           industria della carta e cartone, della cellulosa, pasta, legno fibra vulcanizzata e presfibra e industria cartotecnica e trasformatrice della carta e del cartone;

           aziende grafiche ed affini e delle aziende editoriali anche multimediali;

           industria legno, sughero, mobile, arredamento e boschivi forestali;

           industria calzature;

           industria pelli e cuoio.

L’incontro ha lo scopo di fornire le linee guida per la gestione, in Regione Lombardia, del contratto di apprendistato tenuto conto delle peculiarità delle diverse discipline contrattuali nei diversi settori, in particolare con riferimento all’adempimento degli obblighi formativi.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 giugno 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.