L’educazione stradale sbarca alla scuola primaria grazie alla Polizia locale

La polizia locale dell'unione dei comuni del Medio Verbano ha tenuto una serie di lezioni teoriche e pratiche sulla sicurezza stradale coinvolgendo trecento bambini

L’Ufficio di Polizia Locale dell’ Unione dei Comuni del Medio Verbano ha realizzato anche quest’anno un progetto, in collaborazione con le Amministrazioni Comunali e l’Istituto Comprensivo di Caravate, denominato La strada sicura”.

Galleria fotografica

La sicurezza sulle strade comincia alla primaria 4 di 5

Tale progetto ha portato centinaia di bambini delle scuole primarie di Sangiano, Caravate e Monvalle a conoscere ed approfondire norme di comportamento e regole relative al corretto utilizzo della strada. Le lezioni, tenute dagli agenti Cinquarla, Di Marco e Martinelli  dell’Unione dei Comuni del Medio Verbano, si sono svolte durante l’anno scolastico e si sono concluse con una giornata di festa (8 giugno scorso) presso la pista ciclabile di Caravate.

Nella giornata conclusiva, circa 300 ragazzi, accompagnati da insegnanti e genitori, sono stati messi alla prova sul campo: un percorso tracciato per l’occasione, ben 300 mq di strade ed intersezioni, con tanto di semafori e cartelli stradali, realizzati dagli stessi ragazzi, un quiz con domande relative alle norme di comportamento e alla segnaletica, una gimcana gestita dalla Società Ciclistica Caravatese.; tutto ciò ha dato modo ai ragazzi di dimostrare quanto appreso nelle lezioni svolte durante l’anno. Le postazioni attribuivano anche un punteggio, grazie al quale è stato assegnato un simbolico premio alla scuola di Monvalle, meglio classificata delle tre partecipanti.

A contorno dell’evento erano presenti anche uomini e mezzi operativi di Polizia Locale del Medio Verbano, Vigili del Fuoco di Varese, Protezione Civile di Caravate, Croce Rossa Italiana di Gavirate. Presenza molto gradita dai bambini è stata anche quella dell’Unità Cinofila di Laveno Mombello, che ha dimostrato l’utilità dei cani nella ricerca di persone scomparse, e della stessa Società Ciclistica Caravatese Inda, che ha dato una piccola infarinata sul corretto utilizzo della bicicletta e sullo sport del ciclismo. E’ stata una mattina diversa dal solito, che ha permesso ai ragazzi di conoscere meglio gli operatori e i mezzi di soccorso e di Polizia che troveranno, crescendo, sulle nostre strade, stimolando il giusto rapporto di stima, fiducia e collaborazione. 

A conclusione, l’Unione dei Comuni del Medio Verbano, con il suo Responsabile Ettore Bezzolato, e la Società Ciclistica Caravatese Inda, coordinata per l’occasione dal bravo Massimiliano Savioli, hanno consegnato un cappellino in ricordo a tutti i bambini, una pergamena alle associazioni e ai gruppi partecipanti, oltre che una simbolica patente del buon ciclista agli alunni delle classi quinte. 

Il progetto “La Strada Sicura” non è l’unico che è stato sviluppato dall’Unione dei Comuni del Medio Verbano.

Nel corso dell’anno scolastico appena concluso, per il terzo anno consecutivo, come da disposizioni ministeriali, è stato realizzato il progetto “Patentino”, cui hanno aderito le scuole medie di Caravate, Gemonio, Leggiuno e Cittiglio.

Si sono svolte sei lezioni di due ore per ciascun Istituto, cui hanno partecipato circa 90 ragazzi.

Le lezioni sono state tenute dagli agenti Matteucci e Martinelli, supportati dagli insegnanti Pucci, Boerchi e Vettaro.

Nella giornata di Mercoledì 21 giugno, presso le scuole di Caravate, si sono svolti gli esami per il conseguimento del Certificato di idoneità all’uso del ciclomotore” (patentino); 35 ragazzi, su 50 iscritti all’esame, hanno raggiunto lo scopo e potranno guidare fin d’ora il ciclomotore con coscienza e conoscenza del mezzo e delle regole per il suo utilizzo… Che la prudenza ed il senso di responsabilità non li abbandonino mai…

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 giugno 2006
Leggi i commenti

Galleria fotografica

La sicurezza sulle strade comincia alla primaria 4 di 5

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.