Massiccia adesione allo sciopero dei precari della Croce Rossa

Cronica carenza di organici e quote di salario arretrate le principali motivazioni della protesta. I sindacati auspicano una ripresa delle trattative

Riceviamo e pubblichiamo

Venerdì 9 giugno 2006 le lavoratrici ed i lavoratori della Croce Rossa Italiana hanno scioperato contro il costante aumento dei processi di precarizzazione dei rapporti di lavoro nell’Ente, per denunciare la cronica carenza degli organici, per rivendicare il pagamento di quote di salario arretrate dovute e la mancanza di un progetto che rilancia la CRI e il suo importante ruolo nel sistema di assistenza nel Paese.
L’adesione massiccia degli operatori allo sciopero (in Lombardia si è raggiunto l’80% di partecipazione), evidenzia che la misura è colma ed i lavoratori non sono più disposti ad operare in condizioni di costante criticità.
Anche in occasione della giornata di sciopero, purtroppo, dobbiamo registrare la totale latitanza ed inefficienza dei vertici della Croce Rossa ad ogni livello.
In assenza di indicazioni ed iniziative da parte dell’Ente – sia a livello nazionale sia nelle periferie – relativamente ai servizi di emergenza da garantire in caso di sciopero, sono stati gli operatori a dimostrare un grande senso di appartenenza e professionalità, facendosi carico di una responsabilità non propria, cercando di garantire i servizi essenziali e le prestazioni con carattere di urgenza in tutto il territorio Lombardo.
In questo contesto non possiamo non sottolineare l’inopportunità delle dichiarazioni rilasciate dal vertice provinciale della Croce Rossa Milanese che, oltre che tardive, hanno evidenziato una non conoscenza della realtà e dello stato dell’Ente.
Auspichiamo una ripresa delle trattative che porti ad una soluzione positiva della vertenza in atto.

Il Segretario Responsabile
Enti Pubblici Non Economici
FP CGIL Lombardia
Alberto Villa

La Segretaria Responsabile
Enti Pubblici Non Economici
FP CGIL Milano
Emilia Natale

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 giugno 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore