Millecinquecento computer a favore delle associazioni no profit

Lo stabilisce un accordo triennale tra il Pirellone ed il Banco infromatico Onlus, che realizzerà il progetto "Un Pc per crescere"

La Regione Lombardia cederà gratuitamente 1500 computer agli enti di volontariato ed alle associazioni di solidarietà sociale operanti sul territorio. Lo stabilisce un accordo siglato tra la stessa Regione ed il Banco Informatico Onlus, che realizzerà il progetto"Un Pc per crescere".

L’accordo prevede che ogni anno, per tre anni, circa 500 computer vengano inviati gratuitamente alle associazioni e agli enti non profit che ne hanno fatto richiesta. Si tratta di Pc che la ditta “Serco” ha concesso in leasing alla Regione e che devono essere sostituiti con altri più adeguati alle esigenze dell’ente pubblico, ma ancora perfettamente funzionanti ed adeguati alle esigenze di una piccola o media associazione.
Il progetto, per il quale la Regione ha stanziato 222.000 euro in tre anni, ha dunque una doppia valenza, sociale ed ecologica. Si combatte infatti lo spreco, ridando valore ad apparecchiature ancora funzionanti, e nel contempo si riduce l’impatto ambientante, evitando lo smaltimento di rifiuti speciali che hanno un costo sia economico che ambientale.
"L’iniziativa – precisa l’assessore alla Famiglia e Solidarietà Sociale, Gian Carlo Abelli – intende avviare un sistema virtuoso al fine di creare un punto di riferimento per le Onlus, molte delle quali si sono già fatte avanti per chiederci i Pc dismessi. Esse potranno così destinare le loro limitate risorse economiche non all’acquisto di attrezzature informatiche ma alle attività sociali. Coerente col modello di wealfare lombardo, impostato sulla sussidiarietà, il progetto sintetizza i grandi pilastri della cultura lombarda: imprenditorialità e solidarietà".

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 giugno 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore