Moschea, dalla giunta arriva il no al cambio di destinazione d’uso

Mucci ha ribadito: "Non è un problema solo di Gallarate". Lo stabile di via Varese rimarrà ad uso industriale, non di culto

Se dopo la manifestazione di sabato pomeriggio in Prefettura le speranze della comunità islamica potevano sembrare concrete, dopo la giunta di oggi, lunedì 12 giugno, la sensazione è che la strada sarà ancora lunga. Il neo assessore alla Cultura Raimondo Fassa ha esposto le istanze avanzate dalla comunità islamica nell’incontro svolto a Villa Recalcati alla presenza del Prefetto di Varese Roberto Aragno: ne è nato un confronto tra gli assessori, con riflessioni e approfondimenti da sviluppare nei prossimi giorni. La cosa certa è che il cambio di destinazione d’uso per il capannone di via Varese, chiesto a gran voce dagli islamici, non ci sarà: «Tutta la giunta si è trovata d’accordo su questo punto – spiega il primo cittadino gallaratese, Nicola Mucci -: quello stabile non diventerà un luogo di culto, sarà compito della comunità musulmana decidere cosa fare, se venderlo una volta finiti i lavori o altro. Gli assessori avanzeranno eventuali proposte ulteriori nei prossimi giorni e lunedì prossimo, eventualmente ne discuteremo, coinvolgendo anche le segreterie dei partiti: l’analisi deve essere condivisa. Le proposte saranno poi presentate al Prefetto, che mantiene il ruolo di mediatore tra le parti». Nessuna novità di rilievo dunque. Si riparte dall’ultima proposta avanzata dal Comune e rifiutata in due circostanze dagli islamici: lo stabile di via degli Aceri. Mucci ha voluto anche sottolineare un altro tema dibattuto in campagna elettorale: «Il problema moschea non è solo di Gallarate, ma coinvolge tutto il Sud della provincia. Spero che qualcuno si faccia avanti e capisca le nostre istanze». Nell’attesa, domani, martedì 13 giugno, primo consiglio comunale: l’affaire moschea non resterà fuori da Largo Camussi.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 giugno 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.