Più educazione e maggiori controlli le ricette per sconfiggere gli incidenti

Si riunisce in Prefettura il Comitato permanente per la sicurezza stradale. “Opportuno disporre la revisione della patente per chi commette incidenti gravi”

Troppi morti sulle strade e troppi incidenti stradali. Le cause sono diverse, come più volte ricordato, ma i mezzi per arginare il bollettino di guerra che siamo troppo spesso costretti ad aggiornare ci sono. Secondo La Prefettura di Varese, che oggi, 29 giugno, ha riunito il Comitato permanente per la sicurezza stradale, esistono delle strade da battere. In primo luogo la sicurezza stradale deve rappresentare un bagaglio culturale che i più giovani devono imparare a portarsi dietro fin dall’età scolare. A tale proposito le autorità suggeriscono di approfondire i temi relativi all’educazione stradale mediante l’elaborazione di progetti mirati analoghi a quelli già attivi tra Provincia, forze dell’ordine e motorizzazione. Inoltre è opportuno ampliare e intensificare i controlli da parte delle forze dell’ordine e disporre la revisione della patente per gli incidenti di particolare gravità. Questa misura si giustificherebbe per accertare la permanenza del conducente del veicolo dei requisiti psicofisici e dell’idoneità tecnica per guidare.
Inoltre un altro punto da tenere in considerazione è la verifica della disponibilità in ambito provinciale di circuiti e impianti sportivi o piste di gara dove testare le caratteristiche tecniche del proprio mezzo.
Il Comitato permanente per la sicurezza stradale – Presieduto dal Prefetto e composto da rappresentanti degli enti locali, della Forze dell’ordine, della motorizzazione, dall’Asl, Csa, Aci, Cri e Associazioni familiari delle vittime della strada – ha infine disposto l’istituzione di un tavolo tecnico presieduto dal comandante della polizia stradale di Varese con l’obiettivo di programmare i servizi di controllo stradale particolarmente interessate dal traffico su due ruote.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 29 giugno 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore