Pochi taxi in città: “colpa” di Malpensa

La legge della domanda e dell'offerta "prosciuga" la città e attrae i tassisti verso il mercato aeroportuale

Prendere un taxi a Busto è diventata un’impresa. A causare la carestia di tassì è la vicinanza di Malpensa, dove vi sono ben altre opportunità di "imbarcare" passeggeri più o meno lautamente paganti, come conferma un anonimo tassista in servizio a Busto. "La questione è molto semplice: adesso è la regione a legiferare in materia, e noi possiamo andare a lavorare dove meglio crediamo – Malpensa paga, e bene, a differenza di Busto. Così, non appena uno di noi ha alcune ore libere senza appuntamenti prenotati e simili, va direttamente in aeroporto, e lì la clientela in genere non manca"..

Verissimo: A Malpensa non tutti, all’arrivo, si dirigono a Milano (destinazione raggiungibile in treno o in autobus-navetta): per chi deve andare in località non servite dal Malpensa Express, o addirittura per chi deve recarsi in zone di Busto distanti dalla stazione delle Ferrovie Nord, il taxi è il mezzo più rapido – anche se non sempre il più conveniente. E fatta una rapida comparazione tra il volume di traffico di Malpensa e quello delle stazioni bustesi, e soprattutto fra il volume dei portafogli degli utenti (anche in tempi di low cost…), ecco ricavatane una spiegazione lineare e che avrebbe fatto la gioia di Adam Smith, il teorico dell’economia classica: il lavoro (l’offerta) si sposta in massa lì dove vi è la maggiore richiesta, ovvero la domanda.

A rilanciare la questione è ancora una volta l’implacabile consigliere
comunale Audio Porfidio, su segnalazione di due viaggiatori che, giunti
in treno da Milano, non hanno trovato nessun mezzo disponibile, pur
essendosi rivolti ai numeri di telefono pubblicizzati sul posto. "Ma le licenze non sono concesse dal Comune?" osserva Porfidio. "Qual’è dunque il servizio che la città ne ricava? Andrebbe controllato il rilascio di queste licenze, anche perchè 22 taxi per una città come la nostra sono fin troppi, ed è il colmo che gente venuta da fuori non ne trovi neppure uno".
Paradosso di un servizio che, sì, c’è, ma viene "calamitato" altrove – il tutto in una città in cui i mezzi pubblici sono sempre sotto tiro per l’obsolescenza e la scarsa puntualità. Se Malpensa è fin troppo vicina, Milano appare davvero lontana.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 giugno 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore