Referendum, ricomincia la “guerra” dei manifesti

Molti partiti politici fingono di non vedere le suddivisioni dei cartelloni elettorali, occupando tutti gli spazi senza timore delle sanzioni. Inviateci le vostre segnalazioni

Referendum, si scatena la "guerra" dei cartelloni elettorali. Come se non fossero esistite le polemiche sull’occupazione abusiva degli spazi nella campagna per le elezioni politiche del 9 e 10 aprile, si ricomincia con il Referendum del prossimo 25 e 26 giugno. La foto di Azzate che pubblichiamo è solo un esempio di un atteggiamento che sembra ormai essere la prassi in una competizione politica senza più regole. Troppo spesso partiti e movimenti fingono di non sapere che gli spazi sono divisi equamente, occupando senza timore di sanzioni l’intera superficie dei tanti cartelloni distribuiti in Provincia. Inviateci le vostre segnalazioni, faremo in modo di dare il giusto spazio a questa carenza di senso civico diffusa nella nostra classe politica.

——————————————————————————————-

Vi segnalo che anche a Capolago di Varese, zona campo sportivo, gli spazi elettorali sono completamente ricoperti dai manifesti del SI, senza alcun rispetto dei posti assegnati.

Cordiali saluti

Cinzia Prina

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 giugno 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore