Samos ingrana la terza

Programmato per novembre il terzo appuntamento con l'annuale Salone altomilanese dell'Orientamento Scolastico a MalpensaFiere

“Orientarsi per scegliere: qui transita l’avvenire dei giovani”: è il filo conduttore che caratterizza la terza edizione di Samos, il Salone Alto Milanese dell’Orientamento Scolastico programmato dal Comune di Busto Arsizio e organizzato da “Mostre & Fiere”.

L’atteso evento Patrocinato da Regione Lombardia, Provincia di Varese e Comune di Busto, è calendarizzato per venerdì 10 e sabato 11 novembre 2006 a MalpensaFiere. Due giorni intensi per verificare un percorso didattico – da quest’anno ampliato al mondo universitario – che nella realtà produttiva dell’Alto Milanese assume particolare rilievo.

Il successo della scorsa edizione – oltre cinquanta espositori e un’affluenza che ha sfiorato le tremila unità – rappresenta un riferimento importante per Samos 2006 che ha già registrato numerose adesioni tra gli Istituti pubblici e privati dell’area e la collaborazione di importanti Associazioni.

Ed a conferire ulteriore prestigio alla manifestazione, va sottolineata la partecipazione della Provincia di Varese attraverso l’Assessorato al Lavoro, Formazione Professionale e Istruzione, il Comune di Castellanza, capo fila di 7 Amministrazioni Comunali della Valle Olona, Poste Italiane SpA con servizi finalizzati agli studenti e l’Agesp l’ex municipalizzata di Busto Arsizio la cui poliedrica attività coinvolge anche il sistema scolastico. Diventa quindi d’attualità il messaggio dell’ex Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi: “La scuola è chiamata a dare ancora di più di quanto finora abbia dato perché le giovani generazioni siano messe in grado di costruire un futuro di pace, di libertà, di benessere, di confronto costruttivo con le questioni del nuovo secolo. Il futuro della nostra Patria è legato a come sapremo gestire questa complessa fase di passaggio. Di questa fase la scuola è protagonista. Non deve sentirsi sola; non è sola”.

Si va inoltre delineando l’area seminariale finalizzata alle prospettive emergenti del mondo universitario. LIUC – l’Università Carlo Cattaneo di Castellanza – ha programmato per venerdì 10 il seminario: “La riforma universitaria: prospettive, opportunità e nodi critici per gli studenti” con gli interventi dei Professori Michele Puglisi, direttore Cared, e Giuseppe Nigro, ricercatore Irre Lombardia.

Anche l’Università dell’Insubria ha programmato un interessante seminario: “La biologia delle emozioni – Farmaci e comportamento” con relatori il Prof. Riccardo Fesce (Fisiologia) e la Prof. Daniela Parolaio (Farmacologia). Una conferma del fermento che anima il pianeta scuola che rappresenta lo specchio della società perchè in essa si riflettono tutte le contraddizioni che riguardano il presente.

Per non parlare della riforma degli studi che è arrivata in Italia “dopo trentaquattro tentativi in ottanta anni”: l’ultima riforma organica risale infatti al 1923 e porta la firma Gentile.

Lo sostiene con determinazione l’ex Ministro Moratti che cita un proverbio cinese: “Se vuoi avere risultati in un anno pianta riso, se vuoi avere risultati in dieci anni pianta alberi, se vuoi avere risultati per tutta la vita lavora per l’istruzione”. Le “differenze culturali”, che di fatto esistono in un Paese come il nostro, non si possono colmare “dando una scuola uguale a tutti” ma offrendo “a tutti una piena possibilità di realizzare” le loro aspirazioni, aiutando i ragazzi a trovare il proprio percorso.

La “formazione professionale” è un’opportunità che si propone a ragazzi di tredici anni, già in grado di valutare la propria propensione a proseguire o meno gli studi che possono portare all’università.

Ma altre iniziative fanno da cornice a Samos, il Salone candidato a richiamare l’attenzione dei docenti, studenti, genitori, ma anche il mondo imprenditoriale dell’Alto Milanese.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 giugno 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.