“Svincolo Saronno Sud: perché la Provincia si accanisce contro Uboldo?”

L'Amministrazione comunale ribatte alle accuse di De Wolf e Baroni e avanza l'ipotesi di grossi interessi dietro il progetto del nuovo svincolo

Ormai è polemica feroce tra Saronno e Amministrazione provinciale da una parte, e il Comune di Uboldo dall’altra. Dopo le polemiche dei giorni scorsi tra il sindaco di Saronno Pierluigi Gilli da una parte e le associazioni ambientaliste e gli amministratori di Uboldo dall’altra, le dichiarazioni del vicepresidente della Provincia di Varese Giorgio De Wolf e dell’assessore alla Viabilità Carlo Baroni, hanno ulteriomente acceso i toni.

"Il Vicepresidente De Wolf, distorce a suo uso le posizioni del Comune di Uboldo e accampa una sull’altra confuse ragioni, ogni giorno nuove, a favore dello svincolo – dice oggi l’assessore di Uboldo Virginio Zaffaroni – Ragioni che a Uboldo piacerebbe affrontare una alla volta in qualche pubblico e ben regolato dibattito. Siamo di fronte, nel caso dell’attuale Amministrazione provinciale, a un vero e proprio accanimento contro Uboldo, colpevole di aver posto sul tavolo problemi seri a difesa del Saronnese e di aver dimostrato l’assoluta stupidità e inconsistenza   dello svincolo Saronno Sud. Non ricordiamo tanto sbilanciamento di una Provincia a favore di una Giunta (quella di Saronno) e contro un’altra (quella di Uboldo) del suo stesso territorio provinciale. Sia chiaro: non sarà questo accanimento a farci indietreggiare. Anzi. Forse è ora, però, di sollevare il velo su questioni finora rimaste sullo sfondo. Cominciamo intanto col chiederci se questo De Wolf  Vicepresidente della Provincia di Varese è per caso lo stesso De Wolf che fino al 2002 ricopriva la carica di Assessore nella Giunta Comunale di Saronno, guidata anche quella dall’attuale Sindaco Gilli.  No, non può essere. E’ senz’altro un caso di omonimia. Avremmo altrimenti di fronte un interessante caso di campanilismo arcaico vestito da provincialismo strategico". 

Un’ulteriore chiave di lettura viene dal vicesindaco di Uboldo Giovanni Tavecchia: "A Saronno esistono due stazioni: la stazione Centrale e la stazione di Saronno Sud. Mentre la prima, la stazione Centrale, garantisce un veloce collegamento con Milano, Varese, Como e Novara ed è fermata del Malpensa Express, la seconda, la stazione di Saronno Sud, è un’anonima stazione sulla tratta Saronno/Milano, dove si fermano i treni omnibus e pochi altri treni e non certo il Malpensa Express. Quindi qualsiasi utente delle Ferrovie Nord, con o senza svincolo, sceglie e sceglierà in futuro di raggiungere la stazione Centrale, non la stazione Saronno Sud!E’ utile ricordare quanto affermato dall’assessore del Comune di Origgio – Carlo Di Pietro – personaggio di spicco della Lega Nord di Saronno nel settembre 2005. Durante un Consiglio Comunale tenutosi qualche giorno prima, riferendosi al nuovo svincolo autostradale Saronno Sud, affermò: ”A monte di quest’opera ci sono grossi interessi. E’ strettamente collegato al nuovo svincolo la volontà delle Ferrovie Nord Milano di potenziare la stazione di Saronno Sud trasferendovi i 450 dipendenti che attualmente lavorano negli uffici di Milano. Non è un segreto, visto che ad annunciarlo è stato l’assessore alla Programmazione del Territorio di Saronno Paolo Riva, durante una riunione alla Cascina Colombara”…. non mi risulta che queste affermazioni siano mai state smentite".

La posizione dell’Amministrazione comunale di Uboldo viene nuovamente chiarita da Tavecchia: "Ferma restando la validità del progetto di Pedemontana, quale collegamento est/ovest oggi inesistente, e ferma restando la validità dell’ampliamento dell’autostrada A9 con alcune necessarie correzioni tecniche per evitare il collo di bottiglia in corrispondenza dell’imbocco con la A8, l’Amministrazione di Uboldo si è dichiarata fermamente contraria al progettato svincolo di Saronno Sud perchè:
– monco nella parte ovest, con conseguente aggravio del traffico di attraversamento dell’abitato di Uboldo;
– progettato a ridosso del centro sportivo del Comune di Uboldo;
– devastante dal punto di vista paesaggistico (progettato su un’area agricola);
– comportante un peggioramento dell’inquinamento acustico e, soprattutto atmosferico;
– non migliorativo del traffico esistente.
Quanto alla tanto decantata Varesina bis, una volta ampliata alla terza corsia l’autostrada A9, la riteniamo inutile nel tratto Cislago/Uboldo perchè, essendo parallela all’autostrada A9 ne è speculare".

"Mi piacerebbe che “la passione” che alcuni Amministratori della Provincia di Varese riversano sullo svincolo Saronno Sud fosse rivolta anche ad altri progetti di minor spessore ma, sicuramente, di maggiore efficacia – conclude il vicesindaco di Uboldo –
Mi riferisco, ad esempio, alla rotonda sulla S.S. 527 costruita a spese del solo Comune di Uboldo. Quando tre anni fa l’Amministrazione Comunale di Uboldo chiese un contributo alla Provincia di Varese per la realizzazione di quella rotonda, così da rendere più scorrevole e più sicuro il traffico sulla S.S. 527, la Provincia di Varese non cacciò neanche un centesimo!".

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 giugno 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore