Tornare a crescere: la ricetta di Deaglio

Nuovo appuntamento del ciclo Nonsoloeconomia giovedì 8 giugno (ore 17.00) alla Facoltà di Economia dell’Università dell’Insubria, in via Monte Generoso 71

Se l’economia italiana è da anni quasi ferma, se è comunque la più lenta a livello europeo, se le sue imprese stanno perdendo capacità competitiva sui mercati internazionali, se da troppo tempo mancano vere politiche industriali, se scarsa è l’innovazione di prodotto e poca la ricerca, se deficit e debito pubblico sono tornati pericolosamente a crescere negli ultimi cinque anni, se i redditi delle famiglie sono in sofferenza – che fare?
Bisognerebbe tornare a crescere, si dice. Ma come? Quali sono i modi per crescere? E soprattutto, quale tipo di crescita? Crescere di più o anche crescere meglio? Crescere, tornare a crescere. Lo ha detto e auspicato anche il Governatore Mario Draghi all’ultima Assemblea della Banca d’Italia dello scorso 31 maggio.

Tornare a crescere è anche il titolo dell’ultimo libro dell’economista Mario Deaglio, che verrà presentato giovedì 8 giugno, alle ore 17.00, alla Facoltà di Economia dell’Università dell’Insubria, in via Monte Generoso 71, a Varese, nell’ambito del ciclo di incontri Nonsoloeconomia, promosso dai professori Garofoli e Demichelis.
Un incontro che vuole essere soprattutto un seminario di approfondimento e di discussione, aperto quindi non solo agli studenti, ma anche alle forze politiche economiche e sociali della provincia – perché tornare a crescere è qualcosa che riguarda anche il nostro territorio.
Titolo dell’incontro: 2006 un anno turbolento. Problemi e prospettive per l’economia italiana.

Mario Deaglio. Si definisce un liberale anomalo. Un liberale e non un liberista e la differenza non è da poco. Insegna Economia Internazionale all’Università di Torino. Ha scritto per il prestigioso settimanale inglese The Economist. Ha diretto, dal 1980 al 1983 il quotidiano economico Il Sole 24 Ore. Oggi è editorialista de La Stampa. Ha scritto molti saggi, da Come cambia il capitalismo a La nuova borghesia e la sfida del capitalismo, a Postglobal, fino a quest’ultimo Tornare a crescere (edito da Guerini e Associati). Un economista che dunque ha sempre affiancato all’attività di ricerca scientifica anche quella di divulgazione, portando i temi e i problemi dell’economia all’attenzione del grande pubblico.

Tornare a crescere.
Sembra essere diventato l’imperativo di tutte le economie occidentali e di quella italiana in particolare. Soggetta a problemi specifici e alla concorrenza dei nuovi competitori internazionali, in una globalizzazione che dopo l’euforia degli anni Novanta del secolo scorso oggi si presenta soprattutto come problema, con più ombre che luci. Tornare a crescere, dunque. Coniugando il risanamento dell’economia italiana con lo sviluppo. Impresa difficile, ma non impossibile.

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 giugno 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.