«Uboldo non è sola nella lotta allo svincolo Saronno Sud»

Intervento della lista Vivere Origgio che sottolinea chi è contrario alla realizzazione dell’opera

riceviamo e pubblichiamo

Come gruppo consiliare d’opposizione, anche “Vivere Origgio”, desiderava esprime alcune precisazioni sull’annosa questione dello Svincolo “Saronno Sud”.
Non è dato sapere cosa l’amministrazione di Origgio dica durante gli incontri, formali e non, che si svolgono fuori dai confini del paese. Ma di una cosa siamo certi: in consiglio comunale il sindaco Luca Panzeri e il vice sindaco Mario Ceriani hanno sempre assunto una posizione di netto contrasto nei confronti della realizzazione dello svincolo. E’ vero che leggendo gli articoli e le dichiarazione degli altri amministratoti locali, provinciali e regionali il dato non emerga così chiaramente. Ma le parole espresse in sede istituzione locale, anche per bocca dell’assessore Carlo di Pietro (giustamente ricordate dal vice sindaco di Uboldo in un vostro articolo del 20 giugno), sono inequivocabili: lo Svincolo “Saronno Sud” è un’opera che serve solo a Saronno.
Peccato che gli amministratori origgesi non abbiano avuto la forza, o il coraggio, di assumere la stessa posizione di netto contrasto che Uboldo ha sempre mantenuto. Ma affermare, come fanno De Wolf e Baroni, che nei confronti dello svincolo siano “Tutti d’accordo. Tranne uno” è quantomeno semplicistico.
Oltre all’amministrazione di Uboldo, sono contrarie tutte le associazioni ambientaliste della zona (dagli “Amici del Bosco” di Origgio ad Eco’90 di Uboldo), è contrario il comitato sovracomunale “Cittadini Attivi No allo Svincolo”. Siamo nettamente contrari noi di “Vivere Origgio”, che, con l’altro gruppo consiliare di opposizione “Insieme per Origgio”, rappresentiamo più della metà degli elettori origgesi.
In ballo c?è il futuro del nostro paese, la sua struttura sociale, l?utilizzo del nostro territorio. ?Vivere Origgio? non vuole che il nostro paese diventi un polo logistico a servizio di Milano o della fiera di Rho. La battaglia contro lo svincolo va inquadrata anche in questo contesto di mantenimento della nostra identità. Poi, forse la storia ci darà torto: la Provincia, la Regione, lo Stato ci imporranno di diventare ciò che non vogliamo. Ma prima che ciò accada desidero esprimere tutta la nostra solidarietà all’amministrazione di Uboldo.
Coraggio non siete soli!

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 24 giugno 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.