Ultimo week-end per JazzAscona con il gran finale

ecco gli appuntamenti di sabato del grande evento Jazz di Ascona che chiuderà i battenti domenica sera.

Penultima giornata di concerti ad Ascona per la 22. edizione del New Orleans Jazz Festival. Ricca anche la programmazione, tra i concerti segnaliamo gli appuntamenti più significativi di sabato 1° luglio 2006 :

Stage Torre – ore 21: Maryland Jazzband

La Maryland Jazz Band nasce ufficialmente nel 1959, fondata in gioventù dal decano e leader del gruppo Gerhardt "Doggy" Hund. Fra il 1967 e 1975 la band si prende una pausa per poi ritornare, più in gamba che mai a calcare i palchi di Germania, Europa e Stati Uniti (soprattutto proprio a New Orleans!) partecipando a festivals internazionali e accompagnando sul palco diversi grandi musicisti della Louisiana. A cavallo fra gli anni novanta e duemila partecipano ben sei volte a JazzAscona. Da ricordare inoltre l’annata 1998 in cui Hund e soci hanno l’occasione di suonare nella Preservation Hall. 

The band: Gerhard "Doggy" Hund, tb, ldr – Markus "Benny" Daniels, sb – Jan Wouters tp, voc – Dolf Robertus cl, s – Hans-Martin "Büli" Schöning, bjo, gt – Georg "Schroeder" Derks, p – Meinhard Küpper, d

Stage Torre – ore 23,15: Sammy Rimington New Orleans jazzband

Rinomato strumentista Sammy Rimington, è un vero e proprio esperto di clarinetto nel classico stile dei primi anni ’20. I suoi assoli sono celebri per la loro complessità ritmica e coinvolgente melodicità. Rimington è certamente uno dei più prolifici artisti nella storia del jazz in quanto la sua discografica ricchissima di collaborazioni comprende oltre 170 lavori. Dal vivo ama proporre classici pop, swing, spirituals e blues. Da citare alla batteria Bob French, già leader della Tuxedo Band nell’edizione 2004.

The band: Sammy Rimington, cl – Brian Turnock, b – Svenne Topgaard, p – Banjo Mayer, bj – Freddy John, tb – Bob French, dr

 Hotel Ascona – ore 19: Mark Braud’s New Orleans Jazz Giants

Nato a New Orleans nel 1973, Mark Braud è attualmente un’interessantissimo giovane trombettista nel panorama jazz statunitense. Nipote del celebre Wendell Brunious, condivide con lo zio il talento puro e l’inventivo, personale fraseggio. Laureato in Storia del Jazz all’universtità di New Orleans, Braud ha iniziato la sua carriera di muscista professionista all’età di 15 anni, ha collaborato con Harry Connick Jr, Dr.White, Henry Butler e Eddie Bo. Di recentissima pubblicazione (2005) il suo nuovo album da band leader, "Hot Sausage Rag". Fanno parte della sua band un gruppo di giovani talenti di New Orleans, tra cui spicca il batterista Shannon Powell. 

The band: Mark Braud, tp/vo -Tom Fischer, cl/ts – Lucien Barbarin, tb – Orange Kellin, cl – Steve Pistorious,  p – Rob Espino, tuba – Richard Moten, b – Shannon Powell, d

 Piazzetta Ambrosoli – ore 12: David Blenkhorn’s Australian All Stars

Da qualche anno a questa parte , una delle attrazioni principalidi JazzAscona, gli Australian All Stars di David Blenkhorn, hanno ampiamente dimostrato al pubblico del lungolago la loro innegabile maestria nell’arte del jazz, la loro grande professionalità e anche una spiccata e contagiosa simpatia. Come facilmente intuibile dal nome Australian All Stars unisce in una sola formazione i maggiori esponenti del jazz tradizionale dell’intero continente oceanico. Musicisti militanti a livello internazionale nella quale spiccano il chitarrista e bandleader David Blenkhorn, il violinista e cantante George Washingmachine, il sassofonista Ben Jones e il trombettista Bob Barnard. 

The band: David Blenkhorn, g – Bob Barnard, tp – Ben Jones, ts – Harry Kanters, p – Sebastien Girardot, b – George Washingmachine, vio

 Stage Piazza – ore 22,30: Marc Richard Quintet

Marc Richard, clarinettista e alto-sassofonista francese veterano, è il leader di questo quintetto nel quale militano alcuni dei più interessanti e autorevoli jazzisti di Francia. Nato nel 1946, Richard, frequenta la scena jazz nazionale suonando in diverse formazioni; avrà persino l’occasione di accompagnare sul palco artisti del calibro di Doc Cheatham, Buddy Tate, Dee Dee Bridgewater e Cab Calloway. Diverse sono le testimonianze dei suoi oltre quarant’anni di jazz, è però d’obbligo citare il suo ultimo album solista ‘Cooking the Rabbit’ nel quale con la sua band porge omaggio a Johnny ‘Rab’ Hodges. Un tributo che porterà anche a JazzAscona, per festeggiare il centenario della nascita del celebre sassofonista sotto la tenda del Palco Torre giovedì 29 giugno. Da segnalare al pianoforte del suo gruppo, grande sorpresa, il… batterista Stan Laferrière. 

The band: Marc Richard, as/cl – François Biensan, tp – Stan Laferriere, p – Raphael Dever, b – François Laudet, dr

 Stage Chiesa – ore 20,15: Swingcats

Giunti al loro quindicesimo anno di attività gli SwingCats, si confermano come una delle band swing più richieste a livello europeo. Formazione cosmopolita, comprendente musicisti provenienti da Germania, Belgio, Olanda e Stati Uniti, fa della versatilità il proprio punto di forza, alternando allo swing riuscite incursioni nel Bebop, nel Gospel e nel Rhythm and Blues. Impossibile non citare la brava cantante Shaunette Hildebrand.  

The band: Frank Roberscheuten, cl/sax – Shaunette Hildabrand, voc – Dirk Van Der Linden, p/g – Karel Algoed, b – Moritz Gastreich, dr

I biglietti costano 15 franchi svizzeri (al cambio attuale circa 12 euro) e possono essere acquistati a partire dalle 18.30 alle quattro entrate della festa. Non è prevista prevendita di singoli concerti, entrati dentro l’area delimitata si può assistere a tutti i live in scaletta, in piedi o seduti. Questi biglietti possono essere acquistati alle casse del festival o negli alberghi di Ascona oppure, durante il giorno, all`ufficio informazioni dell`Ente Turistico (Casa Serodine – di fronte al Municipio e alla chiesa).

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 giugno 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.