Un anno di giunta Colombo. Visto dall’Unione

Si è svolto ieri sera l’incontro "Parole, parole, parole: i pochi fatti della giunta Colombo". Nessuna polemica, clima pacato

Erano presenti più di un centinaio di cittadini ieri sera all’iniziativa "Parole, parole, parole: i pochi fatti della giunta Colombo", organizzata dai partiti sommesi dell’Unione per un bilancio dell’operato del centro destra dopo un anno di governo. Relatori della serata Virginia Brasca, candidata sindaco del centro sinistra nelle precedenti elezioni comunali, e Claudio Brovelli, ex sindaco della città. Presente nella sala della Fondazione Casolo, ma non intervenuto anche il consigliere di minoranza Luigi Bollazzi di “Insieme per difendere Somma”.

 

Se qualcuno si aspettava parole di fuoco e invettive, è rimasto deluso. Non ci sono stati toni polemici. E’ stata un’assemblea tranquilla e pacata, come hanno osservato gli stessi cittadini che vi hanno partecipato, e il centro sinistra ha mostrato la ferma intenzione a cercare la collaborazione con la maggioranza per cercare di lavorare per il bene comune. No, quindi, ad una inutile politica di ostruzionismo. I relatori hanno posto sul piatto della bilancia, in modo critico ma per nulla offensivo, alcune iniziative dell’attuale amministrazione Colombo e le concrete preoccupazioni dell’Unione. Diversi i nodi presentati all’assemblea, a partire da Malpensa e dal problema della terza pista, dove il centro sinistra ha ribadito con forza la necessità di valorizzare la Valutazione Ambientale Strategica, sulla quale Guido Colombo nicchia da tempo, e il “no” ad un ulteriore sviluppo aeroportuale, sino alle recenti modifiche delle norme attuative del Prg e al ritardo della maggioranza nel presentare il Piano Commerciale e un disegno generale di Somma, strumenti importanti per amministrare la città. Preoccupazione e dubbi anche per l’ingente spesa nell’acquisto di 40.000 mq da destinare al centro natatorio, “Ultima delle priorità attuali” come hanno osservato alcuni sommesi presenti tra il pubblico. Ha osservato Brovelli: «Se il centro-destra non è produttivo come vorrebbe essere e come aveva promesso di essere, la responsabilità va ricercata solo al suo interno. Si parla del futuribile e della città di Malpensa nel 2050, ma non si affrontano i nodi dell’oggi». Accanto alle critiche, il centro sinistra ha riconfermato il suo impegno e ha lamentato la mancanza di confronto tra maggioranza e opposizione, che non deve «esaudire le richieste dei singoli operatori», ma coinvolgere realmente la popolazione. «Prima si deve ascoltare tutta la gente, ma proprio tutta, poi, e solo poi, chi amministra ha il diritto e il dovere di decidere» ha affermato Virginia Brasca. L’ex candidata sindaco ha aggiunto anche delle osservazioni generali sul fatto che la gente non deve disinteressarsi della gestione della cosa pubblica, ma deve avvertire la necessità di partecipare e ha sottolineato l’importanza dell’impegno personale, del singolo all’interno delle piccole realtà, del lavoro, della scuola. Concretamente Brovelli ha evidenziato come l’Unione non miri certo ad ostacolare l’operato di chi è stato legittimato dal voto, ma a collaborare puntando sui punti d’incontro esistenti e smussando gli attriti.

I cittadini presenti hanno seguito con attenzione e hanno espresso a loro volta alcune loro preoccupazioni, soprattutto riguardanti la scuola e la gestione dei servizi sociali. Preoccupati alcuni genitori su voci riguardanti la scuola materna di Maddalena e sull’ipotesi, tutta da verificare, che l’Amministrazione voglia privatizzare l’asilo nido comunale. I relatori, Brovelli e Brasca, hanno poi chiuso la serata garantendo l’impegno dell’Unione in consiglio comunale e in città. Gli organizzatori della serata si sono dichiarati soddisfati, sia per la presenza di pubblico sia perché «non c’erano solo le solite facce. Pur senza enfatizzare nulla, è sicuramente un segnale positivo che ci sprona ad essere ancor più attenti e propositivi».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 giugno 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore