Un malore improvviso si porta via monsignor Mario Spezzibottiani

Nativo di Lonate Pozzolo, era il "moderator Curiae" dell'Arcivescovado milanese, vicinissimo a Sua Eminenza il cardinale Arcivescovo Dionigi Tettamanzi

Un malore improvviso ha condotto ad una morte prematura la notte scorsa monsignor Mario Spezzibottiani, dal 2003 "moderator curiae" dell’Arcivescovado di Milano. Il monsignore, nativo di Lonate Pozzolo, aveva appena 54 anni ed era fra le persone più vicine e preziose per l’Arcivescovo cardinale Dionigi Tettamanzi; era fra l’altro responsabile dell’Ufficio famiglia
della Curia milanese. Il Vicario generale della Curia, monsignor Carlo
Redaelli, ha espresso il dolore di tutti: ”Di fronte a un fatto
cosi’ repentino e improvviso ci sentiamo tutti molto scossi e turbati. È con grande tristezza che ora apprendiamo di questa
sua morte".

Mario Spezzibottiani, professore di Teologia morale al seminario arcivescovile milanese, era stato autore di testi a carattere religioso ed etico: si ricordano "Scuola di spiritualità per i politici", "Lui, lei… l’altro! il corso per fidanzati più serio e divertente che abbiate mai visto", e "Non c’è oratorio senza domenica". Ex allievo di Tettamanzi al seminario di Venegono, figura influente, era considerato un po’ l’"aiutante di campo" dell’arcivescovo ed il suo fidato braccio destro, apprezzato anche per le sue capacità organizzative.

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 giugno 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore